Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Benvenuti all'Ecovillaggio Romashki!



Il segreto dell’effetto placebo



Un Qualcosa sull'Amore



Quale rilancio per l’economia italiana?



Tre tipi di massaggio



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 460
Home » PROGETTO [ New entry ]

Qui sotto vi esporremo il nostro progetto di ecovillaggio. Tratteremo qui i lati tecnici ed ideologici, anche perché riteniamo che quando si parla di ecovillaggio questi due aspetti siano inseparabilmente connessi l’uno all’altro. Se siete in sintonia con i nostri pensieri, se avete qualcosa da discutere o consigli da aggiungere vi preghiamo di scriverci!
(Nota per coloro che conoscono i libri di V. Megre (Anastasia) – questo progetto è molto in sintonia con quanto descritto in quei libri. Quindi, se li avete letti e la lettura del papiro qui sotto vi spaventa, tranquilli, un’idea già ce l’avete :-D).

INIZIO
Prima di tutto c’è sicuramente da trovare un terreno. Noi siamo attualmente in un momento decisivo e quindi speriamo che presto la parte che descrive le nostre aspettative verrà sostituita con la descrizione del terreno.
Ed eccovi le aspettative: è cosa certa che vorremmo il nostro ecovillaggio ben lungi dalle grandi città ed in un posto il più possibile lontano da ogni forma di inquinamento.
Siamo consapevoli che al giorno d’oggi questo sia quasi impossibile o, almeno, molto difficile. Inoltre crediamo in questo detto: “Prima ripulite dove avete sporcato, Se qualcuno ha sporcato intorno a se, spostandosi altrove si porta lo sporco con se”. Quindi, in parole povere, siamo noi coloro che hanno abitato le città e reso il pianeta sporco. Ora è tempo di pulire. Perciò uno degli scopi di un ecovillaggio dovrebbe anche essere di aiutare il pianeta a riprendersi, quindi se non avremo un posto candido come l’Eden, saremo ugualmente felici.
Il nostro intento è quello di raggiungere una completa indipendenza. Quindi si può capire che, oltre alla parte seminativa, è fondamentale la parte boschiva ed un facile accesso a sorgenti d’acqua.

ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE e ABITAZIONI
Pensiamo ad un ecovillaggio come un punto di riferimento e modello di vita sostenibile per il nostro presente e futuro, dotato di abitazioni indipendenti costruite in maniera naturale ed ecosostenibile. In legno, balle di paglia o terra cruda ecc, a questo riguardo c'è un topic dedicato, nel Forum, dove sono state discusse le più svariate tecniche e proposte - cliccate QUI. Invece QUI potete trovare un articolo sulle "casette degli Hobbit".
Al centro (approssimativamente) dell’ecovillaggio programmiamo l’area comune. Lì si può instaurare una dimora per gli ospiti, amici, parenti che verranno a visitare il nostro ecovillaggio e che, per qualche ragione, non potranno stare a casa degli abitanti che vengono a visitare. Inoltre questo luogo può essere utilizzato come luogo d’incontro durante le feste, serate, cene, per dibattiti in amicizia, ecc. Naturalmente sarebbe bello anche instaurarvi un piccolo parco, ove i bambini possano giocare e dove ci si possa riunire per trascorrere delle belle giornate estive e serate invernali.
Tutt’intorno a questa “piazza comune” si sviluppano i cortili familiari. Noi crediamo ogni famiglia debba avere i propri spazi, il proprio appezzamento che può essere definito come la loro piccola “Patria”, dove si può piantare un albero che rimarrà lì anche quando noi non ci saremo più e che ricorderà alle nostre future generazioni chi eravamo. Meglio di una foto o di storie raccontate. Una entità viva, sotto la quale ombra i nostri figli ed i figli dei nostri figli potranno riposarci in una calda giornata. E’ solo un esempio, ma qualcosa di così personale non sarebbe realizzabile in un luogo di pubblico dominio.
“Immaginate di possedere questo spazio: un ettaro di terra. Ma non semplicemente un ettaro con patate da vendere, bensì un ettaro dove state creando qualcosa avendo un certo livello di coscienza e spiritualità. Il vostro territorio dove tutte le vegetazioni sono state piantate da voi e non da qualche incaricato. Ogni pianta o erba vi ama. E queste piante sono in grado di assimilare per voi tutte le migliori energie dell’Universo, assimilarle ed offrirvele. Le piante non usano solo l’energia della Terra.”
Allo stesso tempo una grandissima parte della nostra attenzione è rivolta allo spazio comune e alla comunità in generale. Infatti l’ecovillaggio partirebbe proprio da esso, come fosse un seme dal quale poi sorgeranno i cortili di ogni famiglia. Infatti è un discorso importante e lungo. Ne abbiamo parlato parecchio sul forum e, inoltre QUI potete leggere una vecchia parte del sito, la primissima bozza di progetto scritta da noi, ci sono anche delle illustrazioni.

TECNOLOGIA e ASPETTI TECNICI
Non diciamo no a priori a qualunque cosa creata dall’uomo, ma allo stesso tempo riteniamo ci debba essere moderazione, ecco perché vediamo il nostro ecovillaggio dotato di tecnologia, ma limitata. Magari prevalentemente nella fase iniziale del progetto o comunque in casi di emergenza (per esempio durante le grosse opere di costruzione, l'istallazione di pali per sostenere l'eolico, lo scavo dell'eventuale laghetto, pozzo, scavi di cantine o fondamenta, trasporto di materiale pesante, ecc.).
Invece per quanto riguarda la tecnologia “giornaliera” abbiamo pensato a lavatrici nell’area comune, che utilizzano detersivi ecologici autoprodotti; computer per una connessione con il mondo, notizie e ricerche, risposte a domande che, vivendo in ecovillaggio, ci porremo sempre più, condividere le nostre esperienze, ecc. Lampadine per le abitazioni per chi vorrà utilizzare la nostra elettricità autoprodotta. Sicuramente ci stiamo dimenticando qualcosa ma una volta in loco sapremo organizzarci.
Pensiamo di trovarvi d’accordo dicendo che la TV andrebbe eliminata dalla nostra vita, ci sono informazioni a riguardo su questo sito (link 1 + 2) e in genere in internet se ne parla parecchio. In ogni caso avremo di cosa pensare in ecovillaggio, fra i lavori e quant’altro non avremo neanche tempo per la TV!
Per quanto riguarda i frigoriferi, è da valutare, sono molto inquinanti e possono essere tranquillamente sostituiti dalle care vecchie cantine. Pertanto, per tutta questa tecnologia avremo bisogno di generatori ad energia eolica, o pannelli solari, o tramite progetto meg, anche se per quest’ultimo avremo bisogno di qualche esperto o di qualche volenteroso che studi il metodo.
Riscaldamento: può essere utilizzata la stessa energia testé menzionata o diversi tipi di stufe come, per esempio, la Bulerjan (se ne parla nel forum), o Kachelofen ecc. Ogni abitazione (ed area comune) sarà dotata di bio (compost) toilet. Come già detto sopra, il villaggio sarà dotato di risorse idriche autonome, di sistemi di recupero delle acque reflue, con impianti idraulici che rispettano le risorse idriche. La Terra, così come ogni sua creatura, non deve venire sfruttata ecco perché diciamo no all’agricoltura tradizionale che stanca i campi con monocolture e avvelena la terra e le piante, ecc. Invece abbracciamo tutti i tipi di agricoltura biologica, sinergica, permacultura, ecc. Questi metodi non solo ci fanno ottenere i frutti della terra in maniera naturale, non forzata, ma ci aiuterà anche a risparmiare tempo e sforzi.

ANIMALI
Amiamo moltissimo tutti gli animali e a ciascuno di noi piacerebbe averne per compagnia e aiuto. Cavalli, cani, gatti, galline, api o qualunque altro animale che vivrà in armonia come noi e con noi nell’ecovillaggio. Tutti questi animali non dovrebbero subire nessun tipo di sfruttamento che porti sofferenza, stress o morte.
Si a tutti gli animali, purché vengano curati, rispettati e tenuti nel luogo di proprietà con un adeguato spazio vitale e soprattutto che si attui un rispetto per tutti gli spazi comuni (per esempio deiezioni sparse, ecc.).

ALIMENTAZIONE
Non supportiamo l’uccisione e lo sfruttamento degli animali ed è questa la ragione per la quale non diamo il benvenuto all’essere onnivori. Siamo consapevoli ci siano molte persone in cammino e quindi nel gruppo accettiamo tutti, anche gli onnivori, però con la volontà di crescere e cambiare tale fattore.
Noi rispettiamo le scelte, non siamo qui a dichiarare quale sia quella più giusta, ma in ecovillaggio non tollereremmo l’uccisione di animali che noi consideriamo al nostro pari, quindi a loro volta membri dell’ecovillaggio. Questa è la nostra scelta per motivi etici, salutisti, ecologici ed anche economici (un link per spiegare le ultime 2 ragioni).

ECONOMIA
Basilarmente interna all’ecovillaggio e utilizzando prevalentemente il baratto tra le famiglie abitanti. Ogni famiglia avrà delle entrate extra dall’eventuale attività. Può eventualmente succedere che qualcuno mantenga un lavoro fuori oppure su internet e questa persona avrà di conseguenza anche degli introiti dall’esterno. Noi pensiamo vada fatta una piccola cassa comune per le diverse necessità.
Per quanto riguarda il lavoro si potrebbero seguire le regole della banca del tempo o le semplici “regole” dell’amicizia dove ci si aiuta l’un l’altro.

COMPORTAMENTI
La regola fondamentale è il rispetto per chiunque viva in ecovillaggio (e non solo). Non apprezziamo l’uso del turpiloquio, non tanto per questioni di perbenismo o censura ma più che altro perché determinati comportamenti influenzano negativamente in tutti i sensi.


ALCUNI DEGLI OBIETTIVI:
- trovare persone unite nell’idea descritta, sviluppare insieme il nostro ecovillaggio in tranquillità ed armonia
- studiare ogni giorno la vera scuola della natura, cercare di imparare sempre di più, sviluppare le capacità artistiche che noi tutti abbiamo ma molto spesso sono castrate dalla vita moderna, re-imparare mestieri dimenticati, ricordarci e rispettare le nostre radici, le conoscenze che ne derivano, le tradizioni, da trasmettere alle nostre future generazioni.
- ristabilire i ritmi naturali dell’uomo. I corretti ritmi dell’alimentazione e del sonno che ci condurranno al completo benessere e che permetteranno a noi ed ai nostri figli di vivere in lucidità tutta la vita senza malattie della vecchiaia.
- raggiungere una completa autosufficienza, essendo creature completamente libere
- mostrare al mondo, con il nostro esempio, che vivere in natura non significa nello sporco e spossatezza da lavoro nei campi dalla mattina alla sera, far vedere che con spiritualità e meticolosa organizzazione si può raggiungere un modo di vivere piacevole, sano, che risveglia I sensi e I talenti sopiti, che ci faccia tornare allo stato di Uomo con la U maiuscola
- essere felici con poco? Non possiamo dire così, perché avremo TUTTO ciò di cui avremo bisogno, il nostro paradiso terrestre

Vogliamo anche dire, in generale, che descrivere un progetto, una idea di ecovillaggio è difficile, si, pare abbiamo scritto parecchio ma infatti abbiamo detto quasi niente. Ecco perché siamo aperti al dialogo e, ulteriormente, si può capire qualcosa dai nostri articoli.


Pages: 1 2 3 4 5 6 »
1-10 of 59 messages displayed
28.11.2013 Spam
59. Mihaela Stamate
Ciao Olessia e Marco
Vi saluto! Scrivo adesso dopo tanto tempo, ma non ho dimenticato per niente di voi. Adesso sono in Romania e grazie a Dio ho trovato il spazio per la comunita molto sognata. Vi mandero un mail e parliamo di piu su questo aspetto. Vi mando un abraccio con tutto il mio cuore!

24.06.2013 Spam
58. mauro
Ho letto il vostro progetto e gli obiettivi per far nascere un ecovillaggio ma nulla leggo su dove dovrà sorgere questo ecovillaggio: in Italia, se si, dove oppure all'estero, se si, dove.
Vi ringrazio
Mauro

13.10.2012 Spam
57. Marco e Olesya (paradisiverdi)
Grazie a tutti per le vostre mail! heart Per favore leggete qui: http://paradisiverdi.ucoz.com/forum/2-249-1#2517

18.09.2012 Spam
56. Giuseppina Sciortino (pepita)
Sono una mamma di 32 anni e amo tanto la natura e chi si occupa di lei...da quando è nata Daria, dopo il primo meso uso i ciripà. Lo faccio per l'ambiente e per dare il mio millesimo contributo...sono felice di conoscervi e di aver trovato un sito amico come Paradisi per l'Anima! grazie

04.12.2011 Spam
55. Matteo
Ciao a tutti, ho 31 anni e sono di Trento, vi aspetto tutti quanti su PERMACOLTURA ITALIA su FACEBOOK per parlarne tutti insieme. La ma mail è la seguante matteo_lcn(at)yahoo.it contatto skype: astrolontano80 cell 328 9119584

29.08.2011 Spam
54. FRANCESCA
ilo mio sogno realizzato!possibile? biggrin

12.07.2011 Spam
53. Marco e Olesya (paradisiverdi)
Ciao Mihaela, piacere di conoscerti! Marco ha letto i primi 3 in italiano mentre Olesya (che è ucraina) li ha letti tutti e 10 in lingua originale. Per quanto riguarda i nostri progressi puoi aggiornarti sul forum, in particolare QUI trovi le ultimissime news. Ci stiamo organizzando per acquistare un terreno da soli noi 2 perché gli altri non ne hanno la possibilità, per ora. Quindi siamo parecchio impegnati ed è per questo che non riusciamo ad essere presentissimi sul sito.
Allora stacci bene e vieni a trovarci di tanto in tanto se ti va, ciao! cool

11.07.2011 Spam
52. Mihaela Stamate (MihaelaS)
Ho dimenticato chiedervi se avete letto i libri di V Megre in italiano, di dove li avette procurate e quali perche nella mia lingua ci sono uscite 9. Grazie per che ci siete e avete fatto tutto questo!

11.07.2011 Spam
51. Mihaela Stamate (MihaelaS)
Ben trovati! Grazie a Dio che esiste sulla Terra gente come voi e quale anche fa qualcosa concreto, ho cercato fino adesso un sito dell genere , delle persone che hanno letto Anastasia di V Megre, che credono , che desiderano vivere cosi come ci siamo creeati all inizio ...Sono felicissima che posso parlare e condividere i miei pensieri , ideee , sentimenti e tutto quanto bello con qualq'uno che gia pensa e sente come me e come altri che vogliono l'Armonia da per tutto e dentro tutto!
Per momento abito con la mia famiglia vicino a Bologna e sono molto interessata dell ecovillage. Siete molto bravi! Complimenti con tutto il mio cuore! Se ho fatto qualche errore gramaticale scusate mi, non sono italiana
Dove ce la nostra anima ci siamo anche noi!!!!!!!

27.06.2011 Spam
50. marco e alessia
surprised surprised è un bellissimo progetto,io e mia moglie con 2 amici stiamo provando a realizzare qualcosa del genere in thailandia sarebbe bello potersi confrontare e aiutare reciprocamente a presto
biggrin


Nome *:
Email:
WWW:
Codice *:
Cavallo di Paradisi
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz