Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
agricoltura sinergica



Solstizio d'Estate - Una festa della natura



Il bianco mantello della decrescita



Zuppa estiva all'ortica



L'antica arte della salute dentale



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 462
Home » Articoli » Ecovillaggi

Benvenuti all'Ecovillaggio Romashki!

Ecovillaggio Romashki (Camomille), geograficamente situato sotto Kiev, Ucraina.


(Foto: Più lontano dalla città! L’utilizzo di internet permette ad Andrey Kovalesky di lavorare come commercialista anche dall’ecovillaggio. Ma il lavoro fisico gli da molto più piacere)

Ecovillaggio, non è solo un modo di vivere, è quasi un credo. La gente ha diritto di credere in diverse divinità ma non ci sono chiese. L’unico tempio per loro? La natura.

Sempre più gente di città sogna di svegliarsi col canto degli uccelli e camminare scalzi bagnati dalla rugiada, via dal trambusto, guadagnandosi da vivere solo con ciò che gli arreca piacere. Realizzare un tale sogno è difficile, se si è da soli. Ecco perché tutti coloro aventi una certa filosofia creano degli ecovillaggi.


(Foto: Senza la forza lavoro dei cavalli. Per il sostentamento, al Romashki, non c’è bisogno di creare aziende agricole ed acquistare macchinari. Un bel pezzo di terreno è già sufficiente.)

Anticonsumisti

- Vivo qui già da 8 mesi. Questa è casa mia, dice Kamila, una ragazza, mentre siede su un ramo di gelso. Lei è una cantante lirica non realizzata della Kirgizia,  ha vissuto negli Stati Uniti ed ha lavorato nella sua nazione in una grande ditta mediatica ed ora è una nuova “paesana”. Kamila considera il Romashki come la sua patria spirituale. Lì ha trovato gente che condivide e comprende come lei vuole vivere. Sembra proprio che da loro sia così felice che non abbia neanche più bisgno di calcare i palchi, non sente la mancanza della popolarità, dei bei vestiti, ecc.

- La vita nella società consumistica sembra essere molto limitata. Non ci sono aperture per la crescita spirituale. La gente è attaccata a desideri primitivi, sembrando dimenticare che vi sono desideri molto più complicati e profondi, - Kamila spiega in questo modo la sua fuga dalla città.

 

La sua giornata comincia coi primi raggi di sole. Ogni giorno i membri dell’ecovillaggio perpetrano il rituale di fare il bagno nel lago. Poi la colazione. D’estate solo alcune bacche o delle more. Poi tutti i membri si rendono indaffarati coi vari lavori, negi campi, negli orti, a casa, raccogliendo erbe, ecc. E poi, di sera, ci si dedica di solito all’arte: vicino al falò comune si suona e si canta. E ne prendono parte anche coloro che sembrano negati! :-)

 

Solo pochi anni fa questo villaggio distante 120 Km da Kiev sembrava un posto così triste. Ma questo posto è risorto con l’avvento di gente che camminava scalza. I primi furono Petr e olya Rayevsky e Andrey Kavalevsky (in precedenza, rispettivamente, giurista, chirurgo e commercialista). Per qualche centinaio di dollari hanno comprato delle case abbandonate ed hanno proclamato il loro villaggio un ecovillaggio. Anche alla gente del posto questa nomenclatura è piaciuta, anche se di sicuro avevano uno stile di vita differente. Questi ex cittadini non mangiano carne, non tengono animali per farli lavorare ma solo per compagnia, non concimano il terreno, parlano alla natura e camminano scalzi finché non è freddo. Ma queste stranezze non hanno sconvolto più di tanto quelli che già vivevano da quelle parti. In qualche modo erano addirittura fieri di questi bizzarri vicini. Dopotutto hanno riportato in vita villaggi che erano morenti, con l’ulteriore avvento di sempre nuova gente. E non solo amici e parenti dalla città, addirittura gente che ha letto dell’ecovillaggio da qualche parte.


(Foto: Niente giungle d’asfalto. L’architetto di professione Elena Postnikova considera  l’ecovillaggio come un alternativo stile di vita.)

Per esempio, non molto tempo fa, l’ecovillaggio è stato visitato da 2 uomini d’affari argentini specializzati in prodotti ecologici. Consideravano il Romashki come un possibile fornitore di prodotti organici, ma non avevano fatto i conti col fatto che la gente là non cresce frutti per la vendita. Prendono dalla loro terra solo lo stretto necessario per il loro mantenimento – questo è uno dei loro principi. A sentir loro, per comprare tutto il resto del quale hanno bisogno, non servono più di 100 o 200 euro al mese. A volte Olya e Petr non maneggiano denaro per mesi. Non ce n’è bisogno, hanno tutto. Alcuni hanni dei risparmi da parte, altri affittano i loro appartamenti di città. Ma il fatto è questo: nessuno ha mai avuto problemi economici.

 

Uno degli incarichi importanti degli abitanti del Romashki è creare una immagine dell’ecovillaggio.

Tempo fa tutti sognavano l’arrivo di un qualche musicista professionista nell’ecovillaggio e poco dopo è arrivata Kamila.

 

-         Come sappiamo, i pensieri si materializzano – dice Andrey – ecco perché un pensiero formato nel modo giusto aiuta a realizzare più velocemente l’idea che si ha in mente.

 

Andrey non fa un segreto del fatto che a volte la vita lontano dalla città non sia facile e, oltretutto, l’ecovillaggio è ancora in via di formazione.

 

-         Non è facile mantenere un tono spirituale – ci spiega – ognuno di noi s’è portato dietro alcuni problemi ma qui si sta in armonia, bisogna solo cambiare attivamente la propria coscienza.

 

Ma nel loro ecovillaggio non hanno detto no a tutti I beni della civiltà. Andrey possiede un portatile ed ha internet, lavora come commercialista a distanza e spende i suoi guadagni per l’ecovillaggio.

Ha anche un pianoforte, ma è un regalo. Uno dei suoi ultimi acquisti per l’ecovillaggio è stato un alveare, che può garantire miele per tutti gli ospiti.

Ritorno al futuro

La generazione hippy degli anni 70 anticipò ad ovest della nazione questo fenomeno. Stanchi del modo di vivere di genitori e parenti – lavorare per comprare più cose – giovani ribelli hanno cominciato ad abbandonare le città per costruirsi un futuro felice nella natura. La maggior parte di queste comuni non furono in grado di resistere per molto. Le droghe ed il mancato senso di adattamento, come regola, offuscavano i loro sogni romantici. Ma alcuni, specialmente coloro che avevano un profondo desiderio di crescita spirituale, furono in grado di portare a compimento tutti i loro desideri e sogni. Ad esempio uno dei più vecchi e consolidati fra gli ecovillaggi di questo tipo è Findhorn, in Scozia.

-         Si tratta asolutamente di un modello di vita alternativo – ci dice l’architetto Elena Postnikova. Lei e suo marito hanno partecipato ad alcuni seminari a Findhorn.

 

-         Quello che colpisce, è l’atteggiamento della gente verso il prossimo, verso loro stessi, la Terra – dice – Spiritualmente è tutto. Come nei monasteri Zen dove ogni lavoro è considerato sacro. Tutto quello che fanno, lo fanno consapevolmente. Non lavorano per i soldi, ma per il bene di ciò che li circonda, per il bene del pianeta. A Findhorn vivono regolarmente ed abitualmente 4000 persone. Durante l’anno ricevono circa duemila turisti.
-         Attualmente negli ecovillaggi si muovono solo le persone più attive. Collaudano su loro stessi questo modo di vivere, costruendo una base per il futuro – afferma l’ecologista Viktor Postnikov.

 

Il Signor Postnikov ritiene che quello degli ecovillaggi non diventerà un fenomeno di massa, ma queste micro comunità cresceranno comunque sempre di più.

La questione della sicurezza ecologica tocca al giorno d’oggi ogni famiglia. Anche le vecchiette sulle panchine si preoccupano dei prodotti geneticamente modificati e del surriscaldamento globale.


(Foto: “Colormusica”. Gli abitanti trovano sempre il tempo di esprimersi tramite le arti..)

Boris Krivylin, viaggiatore per passione e fisico per professione, ha visitato tantissimi ecovillaggi ed è giunto ad una conclusione: ci sono molte persone che vogliono realizzare un ecovillaggio ma la loro unica arma è una luce negli occhi. Perlopiù questa gente non pianifica veramente qualcosa.

C’è solo un desiderio. La gente sembra sapere cos’è un ecovillaggio ma il problema principlae rimane che le persone non vogliono cambiare se stesse.


Anastasia Ringis, 29 Giugno, sul giornale Focus (un quotidiano ucraino, non la rivista italiana).


Categoria: Ecovillaggi | Aggiunto da: paradisiverdi (24.09.2008) | Autore: Focus
Visto: 3875




Commenti in totale: 0
Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz