Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
L'esercizio della solitudine intenzionale



Dal Rta alla Telegonia - Cosa significa per voi ed i vostri figli



Vacanze a Berlino, una boccata d’aria... e di civiltà



La salute di pelle, denti e capelli!



agricoltura sinergica



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 462
Home » 2009 » Febbraio » 3 » Asia: scoperta l’origine delle nubi marroni inquinanti
Asia: scoperta l’origine delle nubi marroni inquinanti
02:03

Individuata la composizione e l’origine delle “nubi marroni atmosferiche” (Atmospheric Brown Clouds, ABCs) (ECO51), la massa di particelle di polveri inquinanti sempre più fittamente visibile ogni inverno nei cieli dell’Asia del Sud fino all’Oceano Indiano. Questa nebbia incombente di fuliggine dall’odore acre risulta prodotta per tre quarti dall’attuale combustione di biomassa organica - legna, sterco di vacca, residui agricoli - per riscaldare e cucinare popolarmente a uso residenziale, in parte per produrre energia a livello industriale, sprigionando fumi altamente tossici in tutta la regione, e per un terzo da quella di combustibili fossili. Propendevano per il contrario più di 200 ricercatori indiani, americani ed europei, impegnati da vent’anni a studiare questo oscuro fenomeno asiatico poichè la coltre di fuliggine, cenere mista a polvere, blocca la luce solare, raffredda la terra e la superficie del mare, con ripercussioni sul bilancio idrologico e sui monsoni; un suo componente, il carbonio nero, è la seconda causa del riscaldamento globale dopo il diossido di carbonio.

La misurazione radiocarbonica della composizione della nube durante il monsone invernale, tra il gennaio e l’aprile del 2006, ha consentito a un team internazionale di ricercatori, coordinati dal Professore di biogeochimica Örjan Gustafsson dell’Università di Stoccolma, di accertare la percentuale del radiocarbonio, l’isotopo del carbonio-14 (14C). Ad alta quota, viene prodotto dai raggi cosmici che modificano l’azoto atmosferico nelle minuscole particelle inquinanti di aerosol rilevate in vetta a Sinhagad, nell’India occidentale, e sull’isola di Hanimaadhoo, nel nord delle Maldive. L’elevata presenza di radiocarbonio è chiaramente indicativa dell’origine da combustione recente di biomasse organiche, poichè i combustibili fossili, che hanno avuto milioni di anni di degrado, non presentano isotopi. Ora lo studio, pubblicato sulla rivista Science, dovrà essere confermato dai rilevamenti effettuati in altri siti.

In Cina e in India, 340.000 persone muoiono ogni anno per malattie cardiovascolari e respiratorie da inalazione di sostanze tossiche, carbonio nero e particolato, emesse dai combustibili organici usati diffusamente nei paesi in via di sviluppo, avvisano i ricercatori nel rapporto. Anche il clima viene influenzato con diminuzioni delle piogge nella stagione secca e aumento dell’intensità durante i monsoni. Effetti gravi - come la fusione dei ghiacciai Himalayani e i sistemi meteorologici - sempre più estremi, sono delineati da un recente rapporto del Programma ambientale delle Nazioni Unite.

La nuova scoperta fornisce un orientamento per ridurre le emissioni delle nuvole marroni, senza distogliere dalla necessaria riduzione dei gas a effetto serra a lungo termine. La nube annuale potrebbe diminuire rapidamente in modo notevole sostituendo un’alimentazione più efficiente a biogas o a solare alle attuali biomasse asiatiche, considerando che le particelle di fuliggine permangono nell’atmosfera solo per poche settimane. La diffusione delle tecnologie verdi ambientali e la lotta contro la povertà per il controllo della combustione a biomassa su piccola scala sono svolte importanti per ridurre le emissioni inquinanti, il riscaldamento globale e migliorare la qualità dell’aria.

Il Professore Gustafsson esorta gli ambientalisti a non limitarsi a contrastare i carburanti e il carbone a favore di fonti di energia pulita. I paesi più avanzati dovrebbero contribuire al trasferimento di innovazioni tecnologiche nelle famiglie povere dell’Asia del Sud. Lo sviluppo, la fabbricazione e la commercializzazione di biomassa solida come combustibile è una sfida e un’opportunità per la ricerca scientifica, il partenariato pubblico-privato, la creatività imprenditoriale e politica.

(http://www.eco51.it/)




Visto: 610 | Aggiunto da: paradisiverdi
Commenti in totale: 0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz