Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
La casa ed il corpo sottile



Una dieta vegetariana per bambini?



I terremoti hanno un'anima?



Una dieta a base di... sole!



agricoltura sinergica



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 462
Home » Articoli » Salute

Di cosa sono fatti i pannolini??

Al giorno d’oggi molti usano questi pannolini usa e getta che vengono pubblicizzati e venduti in grandi quantitativi. Ma veramente pochi si chiedono di cosa siano fatti, se siano adatti ai bambini e all’ambiente o se siano semplicemente utili per rendere la vita di un genitore sbadato più semplice.

Se si vuole veramente approfondire sui materiali dei pannolini scopriamo che niente è scritto sui pacchetti! Interessante, come mai? Anche sui vestiti i materiali sono menzionati e se, per esempio, nelle mutandine per bimbi non è scritto che sono 100% naturali, molte mamme non li comprerebbero. Quindi che dire dei pannolini?

Il punto è che si usano per i più piccini, che li indossano notte e giorno e per lunghi periodi! Ma pare non ci siano leggi che obblighino i fabbricanti di pannolini a segnalarne i materiali sulle confezioni. Navigando in internet ho trovato un interessante articolo statunitense che riguarda appunto i suddetti materiali e il danno che essi arrecano all’ambiente. Ve lo propongo nella sua interezza.

(Dal sito: http://www.parentalnotes.com/index.php?s=poos)

 

Un articolo sui problemi associati all’uso dei pannolini usa e getta e sulle eventuali alternative per i genitori. Si analizzerà concretamente la composizione dei suddetti. L’articolo va inteso come una “brain storming session” per tutti quei genitori che non hanno mai avuto modo di pensare a cosa mettono a contatto con le parti più delicate dei loro bambini.

Cosa succede ai pannolini una volta che escono, usati, dalle vostre case?

La piccole candide confezioni che portano con se le pipì e le pupù dei vostri tesori vengono portate direttamente alla discarica più vicina a casa e lì vi rimarranno per il resto dell’eternità? Veramente, non sto scherzando, perché nessuno sa quanto tempo impieghino i pannolini a decomporsi! Il minimo periodo stimato è 20 anni ed il massimo 500.

Questo significa che potete immaginarvi il vostro bambino, già bello cresciuto, e circondato dalla cacca (parzialmente anche sua), in quanto con la velocità con la quale genitori come voi e me, gettano questi fagottini, presto la discarica diventerà sempre più grande e sempre più vicina a casa nostra.

Di che cosa sono fatti questi usa e getta? Che materiali costituiscono queste profumate confezioni delle quali non possiamo fare a meno?

Solo pochi fabbricanti ci danno informazioni facilmente, no c’è nessuna legge che li obblighi ad informare i consumatori a riguardo dei materiali da loro utilizzati. Dopo tante ricerche sono riuscita a trovare qualche indicazione.

Se cominciamo dall’esterno dei pannolini troviamo lo strato superiore che è fatto di una pellicola di Polyethylene che è a prova di perdita. Essenzialmente si tratta di una sottile pellicola di plastica. Apparentemente è necessaria una tazza di petrolio per realizzare la plastica per un pannolino usa e getta! Così il vostro piccolino si ritrova ad utilizzare fino a 5-6 tazze della più preziosa risorsa della Terra ogni giorno.

Quindi, per il mero scopo di produrre plastica che richiederà un’eternità per decomporsi? Siete sicuri che quando il vostro pargoletto raggiungerà la maggiore età o comunque un’età adeguata per avere un proprio pensiero, non vi chiederà spiegazioni per un tale svergognato  abuso delle nostre care risorse terrestri?

Poi abbiamo vari tipi di salviette ricavate dalla carta che si coadiuvano con le particelle superassorbenti che analizzeremo più avanti. E’ un fatto che il vostro bimbo distrugga un albero ogni 6 mesi usando i pannolini. Quanti figli avete o intendete avere e per quanti mesi dovranno usare gli assorbenti?

Alcuni pannolini hanno del polipropilene in prossimità della parte elasticizzata alle gambine. E’ un altro tipo di plastica, usato nei contenitori delle lavastoviglie. Anch’esso a prova di perdita. Ora andiamo al nocciolo della questione pannolino: la parte che permette al culetto del vostro pargolo di rimanere asciutta per un lungo tempo.

C’è una piccola protezione all’interno del pannolini, coperta da carta ed un velo idrofiliaco e che contiene il superassorbente. Idrofiliaco significa che attrae l’acqua quindi ecco perché tutto il liquido che fuoriesce è assorbito dall’imbottitura. L’interno dell’imbottitura è costituito da superassorbenti quali granuli di Sodium Polyacrylate. Questi granuli si allargano all’assorbire dell’urina. A proposito, il Sodium Polyacrylate è stato bandito dall’uso nei tamponi nel 1985 a causa della sua connessione con la sindrome da shock tossico.

Nessuno sa veramente quale sia l’effetto sulla pelle dei nostri bambini dell’uso a lungo termine di queste sostanze chimiche. Alcune possibilità sono: problemi alla pelle, allergie, ecc.

Molti altri fattori compongono i pannolini usa e getta. In sostanza troviamo residui di agenti candeggianti per renderli più bianchi, lozioni per renderli morbidi, fragranza per renderli profumati, i nastri per tenerli allacciati, elastici per le inforcature e cellulosa per l’imbottitura centrale. Quante complicazioni per l’utilizzo di alcune ore per poi stare chissà quanto alla discarica.

Quali altri problemi sono stati associate ai pannolini? Principalmente: contengono una sostanza chimica chiamata TBT (Tributyltin), si dice distrugga gli ormoni sessuali. Si mormora che se il vostro bimbo indossasse 5 pannolini al giorno, la sua esposizione alle sostanze chimiche sarebbe 3,8 volte oltre il limite. Nessuno sa se l’intero ammontare è assorbito dalla pelle del bambino o no ma è un fatto risaputo che la pelle di un bambino è più delicata della pelle di un adulto. La stessa sostanza è in grado di distruggere il sistema immunitario se assorbita da batteri che stanno contrastando cellule nel corpo. L’altro problema molto serio collegato ai pannolini usa e getta è che rilasciano sostanze chimiche che possono generare attacchi d’asma. Si tratta di: toluene, xilene, etilbenzene, stirene e isopropylbenzene fra le tante. Sono una conseguenza del processo di fabbricazione. Si consiglia ai genitori asmatici di stare attenti a certi fattori.

Quali sono le alternative dei genitori?  Ecco il grande dilemma. Il problema coi pannolini è che sono così comodi tanto da farci sentire come se non potessimo farne a meno. E’ così facile: si cambiano ogni 4 ore, ne facciamo un fagotto e buttiam via. Nulla più. Dopo tutto quello che avevo letto, ero obbligata a cercare delle alternative. Non avrei mai e poi mai voluto che mio figlio crescesse ed avesse qualcuno dei suddetti problemi ed inoltre sentirlo biasimarmi riguardo ai pannolini, solo perché io avessi ritenuto più comodo farglieli indossare.

Beh, sono stata piacevolmente sorpresa nell’osservare il progresso dell’industria dei veri pannolini, quelli naturali. Così sorpresa che mi sono chiesta come mai avessi speso tanti soldi negli usa e getta negli ultimi 7 mesi. La mia idea di pannolino era un panno quadrato o salvietta in una qualche forma d’aquilone col quale si potesse “impacchettare” il bimbo con delle spillette di sicurezza.

Visitando negozi per bambini locali la mia idea s’è presto modificata perché hanno panni o salviette (terry nappies) fatti esattamente come gli usa e getta con velcro ai lati e quindi nessun bisogno delle spillette. Sono dotati di una spessa spugna nel centro per assorbire. Grande! E riguardo al pulirli, un inferno?  Il commesso ha detto: “niente di più facile, se ha una lavatrice”. Tutto quel che c’è da fare è tirar via la popò e poi semplicemente gettarlo in lavatrice. Si può aspettare di avere 5 o 6 pannolini da lavare, lasciandoli in un cestino coperto. Se non si ha la lavatrice basta tirar via la popò e dare una lavata al pannolino sporco prima di lasciarlo a bagno nel detergente. Al giorno d’oggi i detergenti sono molto potenti, no c’è più bisogno di bollire e ribollire. Si lasciano immersi per un paio d’ore, poi si getta l’acqua col detergente e gli si da una ulteriore attenta lavata e, magari alla fine, se vi aggrada, lasciarli a bagno per un po’ nell’acqua bollente. E’ tutto! Alla fine una bella strizzata e via ad asciugare. Non è così complicate ed ha un sacco di aspetti positivi.

Se però tuttavia trovate tutto ciò una seccatura, ecco fresche notizie: sono ora disponibili delle cose chiamate “nappy liners” (fogliettini igienici) che si infilano nel pannolino e si gettano nel gabinetto una volta sporche.  Sono fatti di tessuto di cellulosa e I pannolini non si sporcano neppure troppo usandoli. Si tratta infatti della vera risposta alle industrie dei pannolini usa e getta.

Ora, se ancora non pensate sia facile, ho io la soluzione. La lavanderia! Ne avete sicuramente una vicino a casa!

Nota sull’autrice:

Elizabeth Turner è una ragioniera certificata da licenza. Scrive riguardo una marea di argomenti ed è specializzata nel preparare lezioni per gli studenti di finanza.

Categoria: Salute | Aggiunto da: paradisiverdi (22.08.2008)
Visto: 10884 | Comments: 1




Commenti in totale: 1
19.04.2009 Spam
1. pace (pace)
noi utilizziamo quelli lavabili(è vero ...ci vuole più impegno).
i pannolini usa e getta biodegradabili al 80% costano 1 cifrona..ma li usiamo raramente quando fuori casa....e a volte compriamo anche gli altri..ma se fosse per noi fallirebbero molte ditte di pannolini...sopratutto la pampers e hugghies...quelli li boicottiamo sempre come coca cola nestlè unilever etc......

Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz