Basta circhi con animali. In arrivo una legge per fermare lo show! - 5 December 2009 - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Arriva la primavera! L’eroe della stagione – tarassaco!



I suoni e la parola nell’essere umano



la salute senza medicine



Master class in intaglio di cucchiai



Energie rinnovabili e inquinamento dei paesaggi



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » 2009 » Dicembre » 5 » Basta circhi con animali. In arrivo una legge per fermare lo show!
Basta circhi con animali. In arrivo una legge per fermare lo show!
21:24
Mai più animali costretti a esibirsi nei circhi, a vivere in piccole gabbie, a subire addestramenti violenti e viaggi faticosi richiusi per ore nei container: questo l'obiettivo della proposta di legge che riguarda una serie di norme per la graduale dismissione dell'uso degli animali da parte dei circhi e per il sostegno allo spettacolo circense.

Basta spettacoli con gli animali

La proposta è di Gabriella Giammanco (PdL) assieme al presidente della Lega anti-vivisezione, Gianluca Felicetti, e al presidente dell'Ente nazionale protezione animali, Carla Rocchi ed è stata accolta con favore anche dai politici dello schieramento opposto.
"Non vogliamo la fine del circo" ma "il circo deve sapersi adeguare ai tempi, rispettando quei valori che una società civile vuole vengano rispettati". E l'amore per gli animali è proprio uno di questi valori diffusi nella società civile. Al contrario "il mancato rispetto da parte dei circhi della dignità, della libertà, della natura degli animali che sta conducendo l'attività circense verso un inesorabile declino".
Dice la Giammanco: "La violenza a cui sono sottoposti gli animali del circo è continua. L'animale vive lontano dal suo habitat naturale, spesso bloccato da catene e rinchiuso in piccole gabbie, in orribili condizioni igieniche". E poi i continui trasferimenti a bordo di container e gli addestramenti che annientano la volontà dell'animale. Senza contare "le punizioni spietate a ogni piccolo sbaglio" conclude la politica del PdL.
E il pubblico percepisce queste violenze e si disaffeziona allo spettacolo circense, tanto che oggi acrobati, domatori ed equilibristi campano solo con il sostegno dei finanziamenti pubblici. Obiettivo finale della proposta di legge sarebbe quello di destinare i finanziamenti del Fondo unico per lo spettacolo, al momento assegnati in base alla vecchia legge n.337 del 1968 ai circhi equestri, solo ai circhi, alle mostre e agli spettacoli itineranti che non utilizzano animali. Che lo spettacolo continui dunque, ma senza le belve feroci!

Una vita in catene
Sconvolgenti i numeri della vita degli animali del circo in alcune tabelle pubblicati dal sito tradizioniviolente.org.
Elefantessa: su 288 ore di osservazione costante, ha passato il 96,33% incatenata e il 3,67% negli spettacoli.
Leoni e tigri: su 216 ore il 75% nei vagoni, il 23% nella gabbia per gli esercizi, il 2% negli spettacoli
Orso bruno, su 14 giorni di osservazione, il 60% del tempo in un vagone, il 38% in un recinto e il 2% negli spettacoli.

Parlano i circensi
Sul sito dell'Ente nazionale Circhi gli addetti ai lavori spiegano come si addestrano gli animali. Ne riportiamo un estratto:
"L'addestramento circense moderno è basato su una forma di rispetto reciproco e di collaborazione tra uomo e animale, come confermato dai più insigni etologi, veterinari e direttori di zoo...
Gli animali che si esibiscono sono nati in cattività da più generazioni e quindi hanno sviluppato un comportamento ed un’istintività diversi da quelli allo stato selvaggio...
gli animali che si esibiscono nei circhi vengono ospitati in recinti e gabbie estensibili che vengono ampliate nelle occasioni di sosta sotto il controllo di veterinari. Durante gli spostamenti da una città all’altra agli animali viene consentito un regolare riposo e movimento garantendo condizioni di viaggio di assoluto rispetto delle specie ospitate...
nell’addestramento moderno gli esercizi compiuti dagli animali si basano esclusivamente sui movimenti e le posizioni conformi alla loro natura e al loro istinto, quindi assolutamente privi di forzature...
da tempo sono scomparse dagli spettacoli quelle esibizioni che umiliavano l’animale con un antropomorfismo di cattivo gusto".

Tratto da: notizie.virgilio.it
Visto: 560 | Aggiunto da: paradisiverdi
Commenti in totale: 0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz