Crisi idrica. Forum mondiale sull’acqua. E in Italia è in corso la privatizzazione dell’acqua. - 28 March 2009 - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
L’economia secondo lo psicanalista Antoine Fratini



Gli animali ci avvertono dell'arrivo del terremoto



agricoltura sinergica



Attenti all'aglio (non solo per vampiri!)



L'elisir aceto di mele



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » 2009 » Marzo » 28 » Crisi idrica. Forum mondiale sull’acqua. E in Italia è in corso la privatizzazione dell’acqua.
Crisi idrica. Forum mondiale sull’acqua. E in Italia è in corso la privatizzazione dell’acqua.
09:08
Ma cosa si è detto al Forum di Istanbul? In estrema sintesi: che tra vent’anni, al mondo, berremo uno su due e a determinare chi sarà il fortunato sarà la buona sorte e la capacità militare dello stato di appartenenza. Non è proprio il mondo in cui allevare i proprio pargoli per poi lasciarlo in eredità ai nipoti, non trovate? Nel 2030, insomma, con la concomitanza di più fattori, saremo sempre più gelosi delle nostre risorse idriche e dovremo anche difenderle gelosamente: le estati torride aumenteranno il rischio di siccità e lo scioglimento dei ghiacciai indurrà un pericoloso innalzamento dei livelli idrici di mari e fiumi provocando esondazioni in inverno.

I Paesi arabi sono quelli con meno disponibilità idrica in assoluto (hanno meno dell’1% delle risorse mondiali a fronte di una popolazione del 5%), ma le persone che attualmente non dispongono di acqua dolce potabile a sufficienza sono circa 1,2 miliardi e un altro miliardo e mezzo abbondante di individui ha difficoltà di approvvigionamento per motivi politici o economici. Sarà l’economia, infatti, a giocare un ruolo fondamentale in questa faccenda: solitamente, quando le risorse diminuiscono e cresce la domanda, si alzano i prezzi per ricavarne un guadagno maggiore. I rischi di speculazioni sull’acqua sono seri e molto di più che una semplice ipotesi.

L’oro blu diventerà sempre più richiesto e chi ne avrà così tanto da venderne farà enormi affari, un qualcosa di non paragonabile all’oro nero, al petrolio: dei combustibili fossili potremmo fare a meno (e speriamo vengano banditi presto, per il bene di tutti) mentre dell’acqua no. Le multinazionali si stanno muovendo da tempo e procederanno come hanno sempre fatto: prendono le risorse dove costano meno e le rivendono dove sanno che potranno essere vendute ad un prezzo più alto, senza considerare gli squilibri che così si innescano.

E se pensate che queste cose succedano solo nel Terzo Mondo, vi sbagliate. La privatizzazione dell’acqua è in atto anche in Italia: il bene primario per eccellenza, il 65% del nostro corpo, diviene un prodotto da commercializzare con le solite leggi di domanda ed offerta. Diverse città capoluogo sono già servite dai servizi idrici di aziende private e molte altre sono in procinto di fare questo stesso passaggio. Lo sapevate? Probabilmente no. Eppure è strano che nessuno dei governanti abbia sentito il bisogno di comunicarlo entusiasticamente alla Nazione…

(http://www.eco51.it/)

Visto: 601 | Aggiunto da: paradisiverdi
Commenti in totale: 0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz