Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
La Memoria dell'Acqua



Come di solito la gente si rovina il destino?



La salute di pelle, denti e capelli!



Erbe tra le ciocche o come avere capelli sani senza shampoo



Malato di mente, cioè folle, cioè…psicolabile



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 462
Home » 2009 » Febbraio » 8 » SOLARE FOTOVOLTAICO ORGANICO
SOLARE FOTOVOLTAICO ORGANICO
02:20
“Considero l’avvio della fase di industrializzazione dei pannelli fotovoltaici organici che parte oggi presso il Polo Solare Organico, voluto dall’Assessorato all’Ambiente e finanziato con sei milioni di euro un vero e proprio successo della ricerca applica nella nostra Regione. - ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio, Filiberto Zaratti, commentando l’avvenimento durante la visita agli impianti del Polo presso il Tecnopolo Tiburtino a Roma. – Il fatto di aver realizzato, in meno di due anni, un polo d’eccellenza a livello mondiale sulle rinnovabili nella nostra Regione ha un doppio significato. Il primo è quello di aver dato un primo impulso al settore dell’industria delle rinnovabili nella nostra Regione, mentre il secondo è quello di voler aiutare il sistema paese a superare il gap tecnologico e di ricerca che possiede in questo campo. Ora la scommessa, in un periodo di crisi come questo, è quella di dare uno sbocco industriale a queste tecnologie sostenibile che sono a disposizione delle aziende”.
“Lo scopo di CHOSE -Polo Fotovoltaico Organico della Regione Lazio - è quello di sviluppare un processo tecnologico per pannelli fotovoltaici DSC (Dye-sensitized Solar Cells) che possa costituire uno standard industrializzabile basato sulla ricerca di nuovi materiali, architetture di dispositivi e sviluppo di processi produttivi innovativi, in grado di garantire buone riproducibilità, efficienze di conversione e durata. – afferma il Professor Ingegner Franco Giannini Direttore Dipartimento di Elettronica di Tor Vergata– CHOSE intende garantire la massima efficacia di azione mediante un continuo trasferimento tecnologico dall’Università alle imprese, anche promuovendo la costituzione di alcuni spin-off universitari tra cui la DYERS e la TIBERLAB, già nate dall’esperienza dei ricercatori del Polo”.
“Il gruppo di ricerca è attualmente composto da oltre 30 ricercatori provenienti da varie parti del mondo, compresi alcuni cervelli ritornati in patria, dall'Inghilterra, dalla Francia, dalla Germania. – afferma Renato Lauro, Rettore Università degli Studi di Roma di Tor Vergata - Il Polo Solare, inoltre, rappresenta una fase importante di Formazione per i giovani infatti, gestisce sia un Master Internazionale in “Ingegneria del Fotovoltaico” presso la nostra università, che una Scuola Internazionale sul Fotovoltaico Organico che ospita studenti da ogni parte del Mondo”.
“Il laboratorio CHOSE presso il Tecnopolo Tiburtino è stato realizzato per lo sviluppo di una linea pilota per la fabbricazione di moduli di grande area da integrare in pannelli fotovoltaici. - afferma il professor Aldo Di Carlo, Co-direttore Polo Solare Organico - Regione Lazio. - Ad oggi la massima efficienza raggiunta da questi moduli su piccola area è pari ad 8.5 %. mentre su moduli di grande area si è raggiunta un efficienza su area attiva apri al 4 %. Si tratta di risultati del tutto interessanti, specialmente perché le celle funzionano sia con luce diffusa, e quindi con un integrale giornaliero ben superiore alle celle tradizionali, sia all’interno degli appartamenti. I costi di produzione, infine, sono già notevolmente inferiori a quelli del fotovoltaico tradizionale ed in continua diminuzione”.

SCHEDA: COSA SONO LE CELLE SOLARI FOTOVOLTAICHE ORGANICHE
Le Celle solari dye-sensitized (DSC), realizzate per la prima volta dal chimico svizzero Michael Grätzel nel 1991, sono celle fotoelettrochimiche arricchite di un colorante che ne aumenta l’assorbimento della luce solare. Queste celle costituiscono un’alternativa tecnicamente ed economicamente credibile alle convenzionali celle fotovoltaiche in silicio: la realizzazione di tali celle infatti non necessita del grande dispendio economico ed energetico tipico delle industrie dei semiconduttori. Inoltre, il fenomenale sviluppo che negli ultimi anni ha caratterizzato i settori dell’elettronica molecolare e delle nanotecnologie, ha reso possibile il raggiungimento di livelli di efficienza quanto meno confrontabili con quelli delle normali celle al silicio amorfo a costi decisamente inferiori.

(http://www.terzaenergia.info/)
Visto: 930 | Aggiunto da: paradisiverdi
Commenti in totale: 0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz