La “vita” di una mucca da latte - Animali - Catalogo articoli - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Un ettaro di felicità?



Id database segreto governativo sui danni da vaccini



Torta con mele ripiene



agricoltura sinergica



Il segreto dell’effetto placebo



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » Articoli » Animali

La “vita” di una mucca da latte
Nel mondo ci sono circa 225 milioni di mucche da latte, che producono circa 500 milioni di tonnellate di latte l’anno. Solo in Italia nel 2005 oltre un milione e 800 mila mucche hanno prodotto 10,5 milioni di tonnellate di latte (fonte: elaborazione Ismea su dati Fao e Eurostat).
Per la produzione di tali quantità di latte una mucca, allevata secondo i criteri dell’allevamento intensivo sviluppatosi nei recenti decenni, è normalmente costretta a partorire un vitello l’anno. Ciò comporta per questi animali una coincidenza tra allattamento e gravidanza durante la maggior parte dell’anno. Le mucche da latte, infatti, allattano e sono incinte contemporaneamente per circa sette mesi. La lattazione si interrompe solo due mesi prima della nascita del vitello, ma dopo tre mesi dalla nascita del piccolo la mucca è nuovamente incinta, attraverso l’inseminazione artificiale, e così il ciclo gravidanza-allattamento ricomincia. Questo sovrasfruttamento fa sì che spesso le mucche abbiano circa 2-4 vitelli prima di cominciare ad accusare problemi di salute cronici, o sterilità, diventando “mucche da riforma” ed essere mandate al macello.
I cuccioli sono allontanati dalla madre dopo 1-3 giorni dalla nascita, ma continuano a cercarla per molto tempo dopo la separazione. Le femmine rientrano nel ciclo produttivo del latte, mentre i vitelli maschi sono nella maggior parte dei casi inviati alle aziende per “ingrassarli”, seppure sottoposti a una dieta povera di ferro affinché “producano” la carne bianca di vitello. Non è infrequente che i piccoli allevatori li uccidano alla nascita perché “inutili”: un caso emblematico è rappresentato dai vitelli maschi delle bufale, la cui carne è ritenuta di scarso interesse economico, che vengono spesso lasciati morire di fame.
Le mucche da latte sono spinte a produzioni sempre maggiori, per mezzo della selezione genetica delle specie, con diete specifiche e attraverso l’uso di macchine mungitrici. Le mucche sono comunemente fecondate mediante inseminazione artificiale; frequente anche il trasferimento embrionale, pratica estremamente dolorosa tanto da richiedere l’anestesia epidurale per legge. Il trasferimento embrionale è usato per moltiplicare rapidamente la quantità di mucche di “alta qualità”, cioè più produttive.
Anni di selezioni genetiche, quindi, hanno fatto sì che le mucche da latte attualmente producano circa dieci volte la quantità di latte necessaria per nutrire i propri vitelli, tra i 30 e i 50 litri di latte al giorno. A causa dell’alta produzione di latte cui sono costrette, le mucche sono in un continuo stato di “fame metabolica”, affinché il loro corpo provveda alle energie necessarie a tutte le loro funzioni. Inoltre, le mammelle sono così pesanti che il peso incide considerevolmente sulle zampe posteriori, danneggiandole gravemente.
Sono molto frequenti i casi di zoppie riscontrati nelle mucche da latte. Oltre al peso, un fattore determinante è rappresentato dal fatto che durante l’inverno sono spesso alloggiate in poste, nella maggior parte dei casi troppo strette per consentire loro un adeguato spazio, così spesso le zampe posteriori degli animali restano per ore nel canale di scorrimento dei reflui, subito dietro le poste. Altro fattore è costituito dall’insufficienza della lettiera sulla quale le mucche si sdraiano, e quindi a contatto diretto con il pavimento che causa loro abrasioni e infiammazioni delle articolazioni.
Altra patologia frequente delle mucche da latte è l’insorgenza di mastiti: dolorosa infezione batterica delle mammelle le cui cause principali sono costituite dalle macchine per la mungitura automatica e dalle scarse condizioni igieniche degli allevamenti. Si ritiene che ogni anno siano utilizzate milioni di dosi di antibiotici (spesso penicellina) per curare questa patologia, con enormi costi finanziari.
Ma il costo in dolore e sofferenza dell’animale non è quantificabile: tutte queste patologie contribuiscono in maniera determinante a privarli quasi totalmente di energie, tanto da non riuscire materialmente a rimanere in piedi, diventando quelle che comunemente vengono definite “mucche a terra”.

Uso consentito citando la fonte LAV Onlus 2007- www.lav.it




Fonte: http://www.lav.it
Categoria: Animali | Aggiunto da: paradisiverdi (20.04.2009)
Visto: 5569 | Comments: 10




Commenti in totale: 5
29.01.2011 Spam
5. ZORRO
caro secondo, quanto mi piacerebbe che quello che dici fosse vero, ma sfortunatamente non lo è. se hai il coraggio vai a vedere qui http://www.laverabestia.org/play.php?vid=419 ed anche i video correlati. questa cosa esiste in varie regioni d'italia. non c'è bisogno di arrabbiarsi nei confronti di questi articoli, ma con le persone che perpetrano questa vergogna!

14.11.2010 Spam
4. Marco e Olesya (paradisiverdi)
E cosa ci sarebbe mai da dirgli? Un bravo agli allevatori del Trentino se le tengono al pascolo e come si deve, ma è un triste dato di fatto, lo sanno tutti, ci sono programmi televisivi che fanno vedere e articoli di giornale che approfondiscono la questione. Quindi per te saranno stupidagini ma non prendiamoci in giro perchè neanche possiamo negare che quanto descritto succeda veramente.

02.11.2010 Spam
3. secondo
Questa è una delle più grandi ***** mai sentite.

Ma andate a dirlo agli allevatori del Trentino, però diteglielo in faccia, poi mi fate sapere come vi rispondono...

Certe notizie non andrebbero divulgate, perchè poi c'è qualcuno che ci crede veramente...


20.04.2009 Spam
2. pace (pace)
grazieeeeeeeeee!!!! è da un pò che cercavo un articolo simile da postarvi!!!!mi avete proprio letto nel pensiero!!!!mancava proprio sul vostro sito !!!sarà contento anche rupert!!!consiglio a tutti di visitare magari promiseland,un sito sempre molto inteessante.....
grazie ancora e...non andate in pensione!!!!e riflettete ...su questo articolo.....non vi fermerete mai,spero,alla tappa lattovegetariano...giusto???con affetto

20.04.2009 Spam
1. bertelli.patrizia@hotmail.it (angel64)
povere......cmq grazie.......ciao.

Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz