Una piccola storia per riflettere - Forum
Paradisi
        Per L'Anima
[ Nuovi messaggi · Utenti · Forum rules · Cerca · RSS ]
Page 1 of 11
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » Una piccola storia per riflettere (parabola - inferno -paradiso)
Una piccola storia per riflettere
colibrìData: Lunedì, 26.07.2010, 12:38 | Messaggio # 1
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Ciao a tutti ,ho sentito una storiella che vorrei condividere con voi. " Una notte ,il famoso saggio Confucio fa un sogno e si ritrova all'Inferno.Appena entrato vede un'enorme tavola imbandita , con tutti i cibi che un uomo possa desiderare, e tutt'attorno alla tavola , stanno seduti i commensali e l'unica regola da rispettare è quella di usare delle bacchette per mangiare lunghe un metro e mezzo .Tutti i presenti sono magri da far paura ,è da un 'eternità che provano e riprovano ma non riescono ad afferrare il cibo. La disperazione si legge nei loro occhi , è una tortura infinita . Il sogno continua e adesso Confucio si trova all'ingresso del Paradiso , entra e con somma sorpresa vede lo stesso identico scenario . Un'enorme tavola imbandita con cibi di ogni genere, e tutt'attorno stanno seduti i commensali , ed anche lì vale la regola che tutti devono usare delle bacchette lunghe un metro e mezzo. Ma gli uomini sono ben sazi , gli sguardi sereni ed una felicità che si può vedere nei loro volti. E' da un 'eternità che l'uno imbocca l'altro. Vi è piaciuta ?

" Nel cuore di ogni uomo ci sono due lupi ,uno si chiama odio-egoismo, l'altro ha nome amore-altruismo . Chi dei due è più forte? Quello che viene nutrito di più ." smile


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
paradisiverdiData: Giovedì, 29.07.2010, 01:06 | Messaggio # 2
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao Colibrì! Una bella parabola! Ci garbano questi piccoli ma vividi esempi che però insegnano qualcosa di grande. Infatti questo topic che hai aperto può anche divenirne una raccolta! Ecco il nostro contributo. Non sappiamo di chi sia ma proviene dall'ambiente dello yoga.

- Vedi, litighiamo sempre... E' probabile che non possiamo stare Insieme...
- Ma ti piacciono le ciliegie?
- Si
- E sputi i noccioli quando le mangi?
- Ovviamente
- La vita è la stessa cosa...
Imparate a sputare i noccioli ed allo stesso tempo ad amare le ciliegie.


Marco e Olesya
 
colibrìData: Giovedì, 29.07.2010, 12:24 | Messaggio # 3
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (paradisiverdi)
Imparate a sputare i noccioli ed allo stesso tempo ad amare le ciliegie

Ciao Paradisi ,è vero ! Sono queste piccole parabole che entrano in profondità e lavorano anche col nostro subconscio.Sono convinto che i grandi testi di filosofia in fondo non servano a molto,anzi servono solo a creare lunghi dibattiti che alla fine non conducono a nulla. E non me ne vogliano i filosofi ! "imparate a sputare i noccioli e allo stesso tempo a mangiare le ciliege" ,una semplice frase che ci dice che l'equilibrio è la base della felicità,senza troppi giri di parole.Bella storiella ciao


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
DannyData: Martedì, 03.08.2010, 20:15 | Messaggio # 4
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 69
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
Ciao ragazzi, vi racconto una parabola che a me piace molto.
Un giorno un giovane si recò da un saggio e gli chiese" Maestro, come debbo fare per raggiungere ciò che realmente sogno?". Il saggio non gli diede risposta alcuna. Dopo aver ripetuto la domanda parecchie volte senza risultato,il giovane se ne andò, ma tornò l'indomani con la stessa domanda. Ancora una volta egli dovette rimanere senza risposta; tornò ancora il terzo giorno ripetendo insistentemente la sua domanda:" Maestro,come debbo fare per raggiungere ciò che realmente sogno?".
Finalmente il saggio si diresse verso un fiume vicino,ed entrando nell'acqua invitò il giovane a seguirlo. Quando furono giunti in un punto sufficientemente profondo,il saggio afferrò il giovane alle spalle e lo immerse sott'acqua nonostante gli sforzi che quegli faceva per liberarsi. Infine,tuttavia,lo lasciò e quando il giovane ebbe ripreso fiato il saggio lo interrogò: "Figlio,mentre stavi sott'acqua qual'era il tuo più grande desiderio?". Il giovane rispose senza esitare " Aria,aria, desideravo solo l'aria!"
"Non avresti preferito avere ricchezze,piaceri,potenza o gloria,figlio mio? Non pensavi ad una di queste cose?" interrogò il saggio.
"No maestro,desideravo solo ed unicamente aria"fu l'immediata risposta.
"Ebbene,disse il saggio,tu avrai ciò che realmente sogni se desidererai questo con la stessa intensità con la quale or ora desideravi l'aria. Tu devi lottare per esso ad esclusione di qualunque altro scopo nella vita. Ciò che sogni deve essere la tua unica aspirazione di giorno e di notte. Se tu ricercherai questo con tale fervore,figlio mio,certamente lo avrai".

Spero vi piaccia, a me molto.

Danilo


Vivi,come avresti voluto vivere,quando sul letto di morte ripenserai alla tua vita

Messaggio modificato da Danny - Martedì, 03.08.2010, 20:16
 
colibrìData: Martedì, 03.08.2010, 21:34 | Messaggio # 5
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Ciao Danny, si trovo che sia importante avere quest'intensità nel desiderare ciò che si vuole, per esperienza diretta ho potuto verificare tutto ciò...parecchie volte ,ogni qualvolta il mio "intento" risultava inflessibile ed impeccabile , se per caso conosci i libri di Carlos Castaneda e del suo insegnante Don Juan , saprai di cosa sto scrivendo .Ciao

per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
DannyData: Mercoledì, 25.08.2010, 21:36 | Messaggio # 6
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 69
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
Ciao Colibrì, onestamente non li ho mai letti e sono già andato a vedere su internet di cosa parla, reputo interessanti i loro argomenti, grazie per averli citati, inizierò a leggere qualcosa di loro per approfondire le mie conoscenze, ora sto finendo di leggere dizionario filosofico di Voltaire,mi piace,molto ben scritto, lo consiglio. Appena finito comincerò con loro, grazie per l'illuminazione. happy

Added (25.08.2010, 21:36)
---------------------------------------------
SE LE COSE GRANDI VANNO MALE E' SOLO PERCHE' I SINGOLI INDIVIDUI VANNO MALE, PERCHE' IO STESSO VADO MALE, PERCIO' PER ESSERE RAGIONEVOLE L'UOMO DOVRA' COMINCIARE CON L'ESAMINARE SE STESSO E POICHE' L'AUTORITA' NON RIESCE A DIRMI PIU' NULLA, IO HO BISOGNO DI UNA CONOSCENZA DELLE INTIME RADICI DEL MIO ESSERE SOGGETTIVO. E' FIN TROPPO CHIARO CHE SE IL SINGOLO NON E' RINNOVATO NELLO SPIRITO,NEPPURE LA SOCIETA' PUO' RINNOVARSI, POICHE' ESSA CONSISTE NELLA SOMMA DEGLI INDIVIDUI. SOLO FACENDO CIO' CHE SI AMA PROFONDAMENTE SI RIESCE A DIRE SI,SONO FELICE. FATE COSI' E SARETE VIVI.


Vivi,come avresti voluto vivere,quando sul letto di morte ripenserai alla tua vita
 
paradisiverdiData: Domenica, 29.08.2010, 01:02 | Messaggio # 7
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Siamo d'accordo pienamente. Sfortunatamente la frase “se vuoi cambiare il mondo, cambia te stesso” è ripetuta a vuoto così tante volte da sembrar ora banale e non risveglia neanche più i pensieri della gente. Tendiamo a biasimare i governi, le altre persone, ecc. Ma infatti non dovremmo perdere tempo a guardare gli altri, ma piuttosto cercando di perfezionare noi stessi, e di sicuro il mondo cambierebbe in meglio.
E se qualcuno pensa che gli atti di una persona non valgano niente, abbiamo come scudo le parole di Shakespeare biggrin : Come arrivano lontano i raggi di una piccola candela, così splende una buona azione in un mondo malvagio.


Marco e Olesya
 
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » Una piccola storia per riflettere (parabola - inferno -paradiso)
Page 1 of 11
Search:

Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz