Quanto costa la libertà? - Progetto & Idea - Catalogo articoli - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Odore d’infanzia



Pane e lievito fatti in casa.



Master class in intaglio di cucchiai



Il segreto dell’effetto placebo



Ricette per "latticini" vegan!



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » Articoli » Progetto & Idea

Quanto costa la libertà?
L’uomo vive su questo mondo da neanche un milione di anni e già siamo a rischio di una totale catastrofe planetaria. Il passato è sempre più dimenticato, la saggezza degli avi. Le persone si sono allontanate dalla natura, dalla loro anima, da loro stessi. Le cose importanti per vivere, per essere felici, sono state dimenticate e rimpiazzate con futilità che null’altro fanno che renderci sempre più schiavi mentre le nostre menti sono rimpinzate con esse. Ma chissà, forse questo è un male necessario per permettere all’uomo di rialzarsi, svegliarsi, con forza rinnovata per re-imparare come si vive.
Tanto tanto tempo fa, in un passato dimenticato, qualcuno decise di regnare sul mondo. E come vediamo la cosa ebbe successo. Ma come è possibile regnare su tutta l’umanità? La risposta è semplice. La religione è stata introdotta all’uomo, all’uomo è stato detto come ringraziare il creatore per ciò che ha fatto. Ed è stato creato un sistema moderno di supporto vitale
.


In tutto il mondo ci sono centinaia di atti terroristici, guerre, ecc. ogni giorno e, dalle parole delle autorità e degli stessi terroristi, la ragione è di consueto la medesima: la RELIGIONE. Il fanatismo religioso. E’ interessante constatare che in tutti paesi ancora esiste una religione nazionale. Praticamente parliamo di sette di scala mondiale (nel nostro caso il cristianesimo e nello specifico il
cattolicesimo) che sono in posizione di comando.
E’ raro sentire un telegiornale che giudica o è sarcastico nei confronti di una persona di chiesa, al contrario, gli eventi correlati a questi bizzarri e poco sensati rituali sono sempre esposti con un certo rilievo.
Ma come esempio può risultare interessante analizzare la Bibbia, complice nel crimine di ciò che succede oggigiorno nel mondo. E non stiamo parlando di risorse primarie o degli insegnamenti di Cristo, bensì di quei testi che sono stati modificati a vantaggio di certe autorità, nel corso della storia.
Perché fin dal principio il cristianesimo è diventato così popolare?
Per esempio il battesimo delle popolazioni slave, era una cosa completamente violenta, forzata e costrittiva. Il Principe Vladimir, davanti ad una vasta gamma di nuove religioni, scelse il cristianesimo. Una frase lo illuminò, una frase che è ancora riscontrabile: "Ogni anima sia sottoposta alle autorità superiori, poiché non c’è autorità se non da Dio; le autorità esistenti sono poste nelle loro rispettive posizioni da Dio." Romani 13:1. Che può essere tradotta in parole povere: “chiunque ci sia al potere, siate dei buoni schiavi e ponetevi poche domande”. E’ questa frase biblica una verità? L’insensatezza di certe frasi è evidente.
Un altro esempio: Cristo nella Bibbia è definito l’unico figlio di Dio. Questo significa che Dio NON HA AVUTO ALTRI FIGLI. Ma non è Adamo il suo primo figlio? E tutti noi, come conseguenza.
Dalle moderne teorie di NLP (Programmazione Neuro-Linguistica) è provato che il “NO” è rifiutato dal nostro subconscio. Una cosa ben conosciuta da manager e pubblicitari. Come verifica, ora provate a non immaginare un orso bianco. Per favore, ora non pensate ad un orso bianco. Ora è facile fare un collegamento tra questo esempio e le conclusioni che possiamo facilmente trarre da queste famose espressioni: non uccidere, non rubare, non fornicare…





Il sistema moderno pare non interagire troppo con le religioni, ma questa indifferenza è solo apparente e chi è al potere lo capisce. E supporta la chiesa (solo un piccolo esempio: la chiesa è esente dal pagamento delle tasse pur essendo la più ricca organizzazione al mondo).

Il sistema, come la religione, combatte per il suo posto al sole. Metodi differenti in tempi diversi, ma il senso rimane uno – chi è sfavorevole viene eliminato, sradicato: Galileo Galilei, Niccolò Copernico, Giovanna D’arco ecc. E la lista continua.

Un altro dei metodi base di controllo sulle menti delle persone consiste nell’avere controllo su quello che le persone mangiano.  Fin dai tempi di Mosè, all’uomo è stato detto “non mangiare quel tipo di carne, mangia questo tipo di carne” ed il senso alla fine è “mangia carne”. Senza considerare il fatto che i neonati vengono abituati a mangiare pappe a base di carne e tralasciando che l’uomo di fatto, per motivi più o meno evidenti, non è adatto  alla caccia. Non abbiamo zanne sporgenti e grinfie o artigli (gli irriducibili carnivori potranno risponder che l’uomo può cacciare grazie al suo intelletto, tuttavia avviene mediante l’utilizzo di strumenti esterni al nostro corpo, a differenza degli animali). La nostra mandibola si muove orizzontalmente durante la masticazione, come gli erbivori. Il nostro intestino è piuttosto lungo e negli esseri carnivori non è così. L’ambiente alcalino della saliva, ecc. Sono conosciuti casi di cavalli abbandonati nei recinti, senza cibo. Questi cavalli hanno cominciato a nutrirsi con le carcasse dei loro amici cavalli morti. Questo vuol dire che in casi estremi è stato possibile, ma non è la norma. Quindi cosa si ottiene? Problemi gastrici e di stomaco, colesterolo, grasso in eccesso, ecc. Inoltre, se si priva un carnivoro della carne, questo perirà. Noi non si muore! Al contrario, a nutrirsi di verdure ci si sente meglio, più leggeri.



Bene, senza dar peso a questi fattori, si continua a mangiar carne. Questo passaggio ad un non-naturale nutrimento quando è avvenuto? Non abbiamo le certezze su scala mondiale, ma quel che è certo è che (tornado all’esempio del battesimo degli slavi) il Principe Vladimir diede l’ordine di versare il piombo nella bocca dei vegetariani. Noi siamo quello che mangiamo. Se si ha il controllo su quello che l’umanità mangia, si ha il controllo sull’umanità.

Il cervello dell’uomo moderno è utilizzato per una percentuale che va dal 2 al 10% del suo potenziale ed anche questa cosa è connessa col nutrimento. Certo, il mangiar carne non è l’unico fattore frenante. Le parti restanti (nel migliore dei casi il 10%) dalla percentuale del pieno potenziale sono sovraccaricate da informazioni inutili: pubblicità colorate su che pillola prendere per digerire meglio, come tingersi i capelli per essere più belli, per chi votare per vivere più felici… Una tale condizione rallentata della mente rende molto più facile il controllo delle persone. Sfortunatamente al giorno d’oggi ci ritroviamo ad essere una specie di bio-robot. Lavoriamo per il sistema. Qualcuno consegna i cibi per i consumatori, qualcun altro produce questo cibo e qualcun altro ancora si scervella per inventare nuovi attrezzi che rendano la vita "più facile". Guadagniamo soldi per mangiare e sopravvivere.
L’efficienza energetica del moderno sistema di supporto vitale oscilla dal 9 al 13%. Significa che 9 su 10 della nostra produttività (“man-hour”, la quantità di lavoro prodotta da un uomo in un’ora) la diamo SOLO per supportare il moderno sistema di supporto vitale.



Invece di andare semplicemente fuori a raccogliere una mela dall’albero, dobbiamo svegliarci ad una determinata ora, spendere del tempo guidando per andare al lavoro (per alcuni anche delle ore), poi nel migliore dei casi trascorrere al lavoro 8 ore per avere la possibilità di fare dello shopping, con gli stessi soldi guadagnati si pagano le spese di benzina, cibo, affitto. E tutto ciò immersi nella puzza dello smog cittadino.  Di solito il tempo per il semplice vivere, manca.
Lungo i secoli il sistema ha radunato la gente in folle, perché le folle sono più facili da controllare. La gente è stata messa in una condizione senza via d’uscita. Metaforicamente parlando, una persona senza il suo albero di mele è costretta ad andare a lavorare per provvedere al suo sostentamento e quello della sua famiglia. E cosa si mangia? Verdure senza sapore nei negozi. Verdure che non sono state coltivate per l’uomo ma per i soldi. Belle in apparenza ma inutili riguardo le loro proprietà. Parliamo dei bambini, non si ha ne il tempo ne il diritto di crescerli noi stessi, di insegnar loro ciò che riteniamo giusto. Si devono consegnare i bambini in luoghi che li trasformeranno in perfetti schiavi standard. Dimenticati sono ormai i tempi nei quali gli insegnamenti venivano tramandati da padre in figlio, insegnamenti che permettevano di raggiungere livelli altissimi nei propri mestieri e la pace nell’anima.
Quindi, come può una persona sfuggire da questa oppressione del sistema e la mancanza di libertà che da esso deriva? La risposta è semplice: bisogna solo provarci…

…provare a cominciare a ricostruire la propria indipendenza, cominciare a sognare il proprio pezzo di terra che nutrirà i propri bambini e li proteggerà dalle malattie. La vera Patria, la propria terra natale, comincia da un appezzamento nativo e cresce proporzionalmente al numero di persone unite con lo stesso spirito.


Piantare il seme del proprio futuro albero genealogico, che crescerà insieme alla propria famiglia e le generazioni a venire, è così complicato come inizio di una nuova vita libera?
Ci è stata donate la capacità di pensare ed agire secondo la nostra volontà. Libertà di intenti equivale  ad essere responsabili delle proprie azioni. Quando si prende una decisione se ne prendono a carico anche le conseguenze. Se si ha il desiderio di combattere, si troverà sempre qualcosa da combattere. Se si vuole contraddire, si troverò sempre qualcosa da obiettare. Ma quando si comincia a costruire qualcosa di eterno, con le proprie mani, partendo da un meraviglioso giardino, per se e per i propri figli… Si sta gettando la base per la vita eterna.



Categoria: Progetto & Idea | Aggiunto da: paradisiverdi (13.04.2009) | Autore: paradisiverdi
Visto: 4768 | Comments: 6




Commenti in totale: 4
24.04.2009 Spam
4. Marco e Olesya (paradisiverdi)
E noi ringraziamo te per l'apprezzamento, il supporto e l'incoraggiamento! smile

24.04.2009 Spam
3. pace (pace)
grazie come sempre per questi articoli profondi che esprimono ciò che io provo dentro ma che non riesco mai ad esternare con le parole....adesso lo copio e incollo e lo spedisco a tutti quanti miei contatti.

20.04.2009 Spam
2. Marco e Olesya (paradisiverdi)
Ciao Gian Piero, ci fa piacere sapere che l'articolo ti abbia toccato. Sui commenti, abbiamo avuto in passato problemi di spam e quindi rendendo i commenti liberi il rischio aumenta ulteriormente, ci toccherebbe poi passare giornate a cancellare diverse inutili pubblicità! biggrin In ogni caso, dai, la registrazione non è questo grosso tormento, non chiediamo dati personali. Torna a farci visita ogni tanto e, perchè no, magari partecipa anche alle attività del Forum smile

16.04.2009 Spam
1. Gian Piero (Everybody)
Ciao a tutti,sono nuovo del forum,non sono vegetraiano e l’ecovillaggio non rientra nei miei preogeti.pero’ vedo un senso nelle parole di questo articolo e ci sarebbe in effetti da riconsiderare molte cose.mi sono registrato per scrivere questo commento,forse dovreste fare in modo che tutti possano pubblicare commenti anche senza registrarsi?=

Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz