Gli alimenti più errati per i nostri animali - Salute - Catalogo articoli - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Porte e cancelli di legno invecchiato



Benvenuti all'Ecovillaggio Romashki!



Due Fratelli



Vaccinazioni e microchip?



Tre tipi di massaggio



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » Articoli » Salute

Gli alimenti più errati per i nostri animali

Del Dr. Wendell O. Belfield DVM per l’Earth Island Journal

La domanda più frequente che ricevo è: “Quale prodotto commerciale mi può consigliare per nutrire il mio animale?” La mia risposta standard è: “Nessuno.”

Sono sicuro che i possessori di animali domestici notino spesso cambiamenti nei loro prediletti dopo aver usato diversi prodotti della stessa marca di cibo per animali. Insorgono problemi di diarrea, flatulenza, pelliccia debole, vomito e prurito. Questi sono sintomi comuni associati ai prodotti commerciali.

Nel 1981, mentre scrivevo con Martin Zucker “Come avere un cane più in forma”, ci siamo resi conto dell’alto tasso di effetti negativi che i prodotti cosiddetti commerciali potevano causare sugli animali. Nel Febbraio 1990, un giornalista del San Francisco Chronicle, John Eckhouse approfondì la questione nel trattato "Come i cani e i gatti venagono ricicalti nel cibo per animali".

Eckhouse scrisse: “Ogni anno, milioni di cani e gatti americani morti sono trattati insieme a miliardi di scarti animali da ditte definite “fonti”. Il prodotto finito è usato per migliaia di prodotti, inclusi cosmetici e cibo per animali”.

I manager delle varie ditte hanno smentito come sempre. Ma agenzie federali e di stato, inclusa la Food and Drug Administration e gruppi medici come l’American Veterinary Medical Association e la California Veterinary Medical Association (CVMA), confermano che gli animali, per routine, sono resi dopo la morte nei ricoveri per animali o sono eliminati dalle autorità della salute -- ed il prodotto finito trova frequentemente utilizzo nel cibo per animali.

Molti enti governativi trovano infondate contro queste critiche aperte nei confronti degli alimento commerciale per animali. James Morris, un professore della School of Veterinary Medicine a Davis, in California, ha dichiarato: “Ogni prodotto non adatto al consumo dell’uomo viene sterilizzato molto bene, quindi niente può essere trasmesso agli animali”.

Individui che fanno certe dichiarazioni non sanno nulla riguardo il business del trattamento delle carni.

Per sette anni sono stato ispettore veterinario delle carni per conto del Dipartimento dell’Agricoltura americano e dello Stato della California.  Mi sono barcamenato attraverso sangue, acqua, pus e materiale fecale, ho inalato la fetida puzza dei mattatoi, ho sentito i pianti disperati degli animali macellati.

Prima della Seconda Guerra Mondiale, molti macelli erano “all-inclusive”, cioè il bestiame veniva macellato tutto in un posto solo. C’era una sezione per carne affumicata, un’altra per la carne destinata alle salsicce ed una sezione per la concia.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale l’industria della carne diventò più specializzata. Un macello addetto alle carcasse, mentre un esercizio separato era addetto alle salsicce. Anche il trattamento degli scarti divenne a carico di un organismo separato. Non più sotto la giurisdizione degli ispettori federali della carne è fuori dallo scrutinio dell’opinione pubblica.

Per prevenire a carne cattiva di essere reindirizzata all’uso e consumo dell’uomo,  coordinazioni governative richiedono che la carne venga ulteriormente “denaturata”  prima ancora di essere rimossa dai mattatoi ed inviata ai servizi per il trattamento. Durante il mio periodo da ispettore veterinario, denaturavamo con l’acido carbolico (un disinfettante potenzialmente corrosivo) e/o con il creosoto (usato per la conservazione degli alimenti o come disinfettante). Entrambe le sostanze sono altamente tossiche. In base alle leggi federali sui controlli della carne, petrolio, cherosene, acido carbolico e citronella (un repellente per insetti ottenuto dalla pianta di limone) sono tutti approvati come materiali denaturanti.

Le cattive carcasse di bestiame, trattate con questi agenti chimici, possono diventare alimenti per gli animali. Questo avviene perché gli enti adibiti ai trattamenti non sono controllati dal governo, qualunque carcassa può venire trattata, anche di cani e gatti. Come ha dichiarato Eileen Laybe del CVMA: “Quando leggete cosa riportano le etichette di alimenti per animali, leggetele come ‘animali cucinati e  trattati, inclusi cani e gatti’.”

Alcuni di questi animali morti (quelli eutanizzati da veterinari) contengono già pentobarbitolo prima dei trattamenti snaturanti. In base a quanto dichiarano dai ricercatori dell’Università del Minnesota, il pentobarbitolo di sodio usato per eutanizzare gli animali non si degrada in seguito alla denaturazione.

Stabilizzatori di grassi sono introdotti nel prodotto trattato finito per prevenire la rancidità. Comuni stabilizzatori chimici includono BHA (idrossianisolo butilato) e BHT (idrossitoluene butilato) -- entrambi causano disfunzioni ai reni e al fegato - – e etossichina, sospetto cancerogeno. Molti alimenti “semi-umidi” per cani contengono propylene glycol, il cugino di primo grado dell’antigelo, ethylene glycol, che distrugge i globuli rossi.

Il piombo appare frequentemente nel cibo per animali, anche quello da carne di bestiame. Un trattato dell’Istituto della Tecnologia del Massachusetts, intitolato “Piombo nel cibo per animali”, dichiara che un gatto nutrito con alimenti commerciali ingerisce più piombo della quantità considerata tossica per un bambino.

Ho praticato medicina a cuccioli per più di 25 anni. Ogni giorno vedevo vittime della propaganda dell’industria degli animali. Ma i professori delle istituzioni educazionali di medicina veterinaria generalmente supportano un tipo di industria che ha un po’ di riguardo per la qualità della salute dei nostri amici animali.

Un’ultima parola di avviso: Carne non adatta al consumo dell’uomo viene anche utilizzata per il  pollame. Questo significa  che prodotti animali trattati in dubbie condizioni sono dati in pasto ad uccelli che poi probabilmente finiscono sulle vostre tavole. Ricordatevelo quando starete per addentare il vostro prossimo pollo o tacchino.

Il Dr. Benfield  si è laureato all’Istituto di Medicina Veterinaria di Tuskegee (Alabama), ora lavora come privato a San Jose, California. Il Dr. Belfield ha inoltre fondato il primo ospedale veterinario ortomolecolare* negli Stati Uniti ed è il co-autore del libro “The Very Healthy Cat Book”.

* La cosiddetta medicina ortomolecolare è una pratica terapeutica nutrizionale. Si basa sull'uso di aminoacidi, vitamine, sali minerali e su metodi igienico-sanitari, in quanto - secondo i sostenitori della pratica - molti disturbi e malattie derivano da sostanze chimiche che possono essere evitate, o da situazioni che possono essere trattate, a volte curate, riequilibrando l'assetto biochimico individuale con l'utilizzo di sostanze chimiche naturali (vitamine, minerali dietetici, enzimi, antiossidanti, aminoacidi, acidi grassi essenziali, pro-ormoni, probiotici, fibre dietetiche e acidi grassi a catena corta intestinali). Molte delle sostanze usate nella medicina ortomolecolare sono nutrienti essenziali. (Wikipedia)



Fonte: http://www.pethealthfirst.com/
Categoria: Salute | Aggiunto da: paradisiverdi (22.12.2008)
Visto: 4666 | Comments: 3




Commenti in totale: 3
29.01.2012 Spam
3. Pubspitsurirm (Pubspitsurirm)
grazie anche da parte del mio micio!

11.09.2009 Spam
2. Marco e Olesya (paradisiverdi)
Ciao Lara, stai già facendo un ottimo lavoro, non tutti i commercianti sono sensibili a certe scelte etiche, continua così. smile Abbiamo sentito parlare molto bene di Aniwell ma non abbiamo mai provato. C'è comunque da dire che il prezzo cresce notevolmente in proporzione alla buona qualità, quando si tratta veramente di un buon prodotto. Personalmente ai nostri animali prepariamo sempre delle zuppine non salate, con ingredienti sani e naturali. Abbiamo notato che il loro pelo è migliorato visibilmente. E' probabile che le marche migliori diano lo stesso effetto benefico ma purtroppo non ne conosciamo molte.

10.09.2009 Spam
1. lara frassani
salve io sono titolare di 1 negozio per animali e dato il mio grande amore per loro ho scelto di non commerciare prodotti di facciata come purina ,friskies,royal canin ecc utilizzo aziende che credo e spero si riferiscano a verita quando scrivono carne uso umano,frutta e verdura freschi scelti in vase alle loro proprieta benefiche come golden eagle ,brit care ,e orijen voi sapete dsrmi cnsigli migliori? grazie ea presto

Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz