L’economia secondo lo psicanalista Antoine Fratini - Interessante! - Catalogo articoli - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Id database segreto governativo sui danni da vaccini



Tinture aromatiche



Potere alla parola



Benvenuti all'Ecovillaggio Romashki!



Di cosa sono fatti i pannolini??



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » Articoli » Interessante!

L’economia secondo lo psicanalista Antoine Fratini
Mentre alcuni politici ritengono che la crisi economica sia ormai in fase di superamento e invitano i cittadini e gli imprenditori a riprendere le loro abitudini di consumo e i loro investimenti, il nuovo libri di Antoine Fratini muove invece il coltello nella piaga affermando che quel che chiamiamo “economia” sarebbe più vicino ad una religione che a un sistema razionale. La redazione di www.aepsi.it ha intervistato l’autore ponendogli alcune doverose domande.

Redazione: Il titolo del suo nuovo libro “La religione del dio Economia”  (CSA Editrice, Crotone, 2009) è quanto mai esplicito e provocatorio. Ci vuole spiegare cosa intende per “religione economica”?

Antoine Fratini: Intanto non intendo semplicemente un modo di dire. La mia è una affermazione basata su di una analisi accurata del rapporto dell’uomo moderno con ciò che viene chiamato “economia”. Tutta una serie di comportamenti relativi a quel rapporto appaiono  profondamente ritualizzati, anche se i cittadini per lo più ne sono inconsapevoli. Per esempio, le banche assomigliano sempre più a delle chiese: si parla sottovoce, ci si sottopone a moderni rituali tecnologici di entrata e di uscita e i vari bollettini sull’andamento delle azioni che compaiono sugli schermi si sostituiscono ai cenni “numinosi” mandati dai santi

R: Quali dinamiche oscure sarebbero secondo lei alla base di questo inconsapevole “scambio di religione”?

A.F: Sull’economia vengono “proiettati” valori che superano di gran lunga quel che lo strumento economico permette razionalmente di aspettarci. In sintesi ritengo che nel discorso politico odierno la parola “economia” abbia preso il posto della parola “felicità”. La credenza e la speranza che il profitto riesca a regalarci una condizione di felicità sono particolarmente forti, diffuse e alienanti. Tale equivoco porta ad uno stato di “possessione” che nella religione cattolica viene chiamato “passione” e che porta con sé il patimento e il sacrificio di sé in vista della salvezza dell’anima. Per questo, nonostante l’agio materiale, molti nutrono l’impressione che la loro vita sia un sacrificio.

R: Lei parla anche di un pantheon economico…

A.F: E’ fin troppo agevole elencare le varie figure di questo pantheon: lo Sviluppo, la Crescita, il Profitto, il Benessere… Tutte queste figure sacre sottostanno a Economia che fa la parte del dio maggiore, come Zeus nell’Olimpo della mitologia greca.

R: Esiste secondo lei una soluzione per potere uscire da questa condizione di “possessione”?

A.F: Considerato come la credenza in Economia si è radicata nell’uomo moderno, un cambiamento vero e proprio non può che passare in primis attraverso una adeguata presa di coscienza della situazione. Ma tutte le prese di coscienze suscitano paure, resistenze e richiedono tempo e impegno. La crisi che l’economia mondiale sta attraversando attualmente potrebbe veramente rappresentare una occasione per avviare un rapporto più sano con una economia concepita in maniera più razionale. Il che la renderebbe oltretutto meno pericolosa e più funzionale.  Al contempo, i valori inconsci che vi sono per ora legati potrebbero trovare una collocazione più felice nel mondo della Natura (altro tema trattato nel mio libro), come avviene segnatamente presso le civiltà tribali. In questo senso ricucire lo strappo tra Uomo e Natura potrebbe realmente contribuire a renderci più felici.


Categoria: Interessante! | Aggiunto da: paradisiverdi (11.08.2009)
Visto: 3003 | Comments: 1




Commenti in totale: 0
Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz