Un pastore contro il cavaliere - Interessante! - Catalogo articoli - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Una Bambola con Anima



Buoni consigli: la natura ringrazia



Breve viaggio tra i materiali impiegati per la costruzione di una casa ecologica



I terremoti hanno un'anima?



Ricette per "latticini" vegan!



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » Articoli » Interessante!

Un pastore contro il cavaliere
E' raro trovare persone che danno un valore diverso alle cose. Vi raccontiamo la storia del Sig. Murgia, un pastore sardo, che da più valore alla sua terra, alla sua natura, piuttosto che al denaro. Ringraziamo il Sig. Fratini per aver portato questa vicenda alla nostra attenzione.

***


Sembra quasi una fiaba d’altri tempi. Da circa trent’anni un semplice pastore sardo si oppone all’arroganza del danaro. Egli dice di no alle offerte di una ditta costruttrice collegata al gruppo Fininvest del grande sacerdote della religione economica Silvio Berlusconi, la quale vorrebbe acquistare le terre, di cui usufruisce per usucapione, allo scopo di edificarvi l’ennesimo megavillaggio turistico. Il suo nome è Paolo Murgia e la sua vicenda  merita di essere citata in quanto, di questi tempi, si fanno purtroppo rare le persone che non si lasciano abbindolare dai soldi. Il Sig. Murgia parla il linguaggio dell’anima. Nemmeno per cifre da capogiro egli lascerebbe che le terre dove da una vita porta a pascolare il suo gregge vengano distrutte da una nuova ondata di cemento. Nemmeno se questa ondata dovesse chiamarsi “Costa turchese” e portare la “salvezza” dello sviluppo a tutti gli isolani. Le “sue terre”, appunto, perché quel che siamo soliti chiamare “anima” o “psiche” o ancora “identità”, secondo la psicologia animistica non è intermente racchiuso nella scatola cranica o nel muscolo del cuore, ma consiste piuttosto in una relazione che unisce mondo interiore e mondo naturale e nella quale il secondo fa da supporto alle proiezioni del primo. Da questa unione profonda nasce e si sviluppa il connubio Natura/Cultura attraverso un interscambio continuo che in certi casi ha portato a straordinarie forme di simbiosi di cui molti paesaggi in Italia e nel mondo testimoniano tuttora. In questo senso, lo svolgersi della vita dell’anima richiede spazi naturali tanto quanto il corpo ha bisogno di spazio fisico per muoversi e svilupparsi. Distruggendo a scopo di lucro il territorio naturale al quale l’anima tende spontaneamente ad unirsi in un rapporto di partecipazione animistica, si annienta al contempo l’identità delle persone che in quei luoghi si riconoscono e ai quali sono legate da dinamiche psicologiche profonde .

Una questione da porsi è: come mai certe persone sembrano prive di quella sensibilità necessaria per accorgersi dell’esistenza di quel tipo di legame con la Natura? la risposta non è certo agevole, molti fattori possono entrare in linea di conto. L’uomo moderno, da una parte, appare posseduto da quell’atteggiamento che è solito chiamare “razionale” , una forma di pensiero necessariamente freddo e distaccato che lo porta ad usare criteri oggettivi anche per affrontare situazioni che invece richiederebbero altre competenze, come per esempio problemi psicologici, esistenziali o sentimentali. D’altra parte, questa sua unilateralità psicologica lo porta a quantificare ogni cosa attraverso l’uso esclusivo del danaro. Per cui, quel che il danaro potrebbe rappresentare in una psicologia equilibrata, cioè un mezzo utile alla gestione degli scambi materiali tra le persone, è diventato invece per l’uomo occidentale un vero e proprio fine che si sostituisce al senso della vita. “Fare soldi” significa allora “contare”, inteso sia nel senso di calcolare il valore o il costo di ogni cosa (compreso le idee, gli affetti, le relazioni…), sia in quello di “contare nella vita”. Quel che più importa nella vita, quindi, è fare soldi perché solo il capitale e il patrimonio si prestano ad essere calcolati e “a-prezzati” in maniera precisa e “razionale”.

Ma quando il danaro, da semplice mezzo al servizio della realizzazione dell’individuo, diventa fine dello stesso, allora le cose dell’anima (dell’inconscio) vengono represse o annullate e sostituite dai valori e dal metro economici. Per questa via l’economia, da scienza o sistema autenticamente razionale, diventa Economia, religione inconsapevole. E siccome ogni religione ha i propri controvalori e le proprie figure eretiche, il pastore Murgia viene visto dai suoi contendenti come uno “scomodo personaggio” di volta in volta “pazzo” per permettersi di sputare su ingenti somme di danaro, o “furbo” perché in quel modo l’offerta potrebbe aumentare.

Ma il nostro pastore sembra invece opporsi con tenacia al calcolo “razionale”, al valore di mercato, preferendovi forse quel tipo di unione animistica con le sue terre di cui abbiamo accennato in precedenza. In quel caso, mi auguro che la vicenda possa ispirare quella impegnativa avventura di recupero dell’anima che attende l’uomo moderno.

Antoine Fratini, Fidenza il 07/07/2009

***

Italia Oggi, Martedì 30 Giugno 2009.
Vedi A. Fratini, La religione del dio Economia, CSA Editrice, Crotone 2009.
C.G. Jung parlava a tale proposito di pensiero indirizzato contrapposto a pensiero immaginativo o “immaginazione” (Simboli della trasformazione, Boringhieri, Torino).



Categoria: Interessante! | Aggiunto da: paradisiverdi (11.07.2009) | Autore: Antoine Fratini
Visto: 3799




Commenti in totale: 0
Discutiamo insieme questo articolo nel FORUM
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz