Greenpeace inchioda la Nestlè - 22 March 2010 - Paradisi Per l'Anima
Paradisi
        Per L'Anima
Menu del Sito


Nuovi Articoli
Il bianco mantello della decrescita
[17.02.2012]
Chiudete il coperchio del water!!!
[10.07.2011]
Come di solito la gente si rovina il destino?
[15.05.2011]
Fukushima ovvero il crollo del paradigma nucleare
[19.03.2011]
Un Qualcosa sull'Amore
[12.02.2011]
Articoli a scelta casuale
Zuppa estiva all'ortica



Un Qualcosa sull'Amore



Fumo di sigarette: un mix esplosivo di 600 ingredienti!



La casa ed il corpo sottile



Energybox: tecnologia Haarp



Il nostro questionario
Pronti per la vita in ecovillaggio?

Risposte in totale: 458
Home » 2010 » Marzo » 22 » Greenpeace inchioda la Nestlè
Greenpeace inchioda la Nestlè
00:38
Nestlé ha tentato di insabbiare le accuse di Greenpeace oscurando per diverse ore i canali di youtube dell’organizzazione, che trasmettevano il video shock "Have a break?” appena lanciato a livello internazionale. Ma il popolo di internet non si è arreso, pubblicando "Have a break?” su centinaia di siti web e sui social network. Data la reazione degli utenti, solo questa mattina il video è tornato online.
Con questo video, Greenpeace accusa Nestlé di acquistare olio di palma proveniente dalla distruzione delle ultime foreste torbiere indonesiane. In migliaia stanno scrivendo all’amministratore delegato di Nestlé chiedendo di interrompere i rapporti commerciali con Sinar Mas, il più grande distruttore di foreste in Indonesia.
«Come mai Nestlé si è impegnato tanto a oscurare il nostro video? – si interroga Chiara Campione, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia – È forse un tentativo di nascondere i fatti? Solo in Italia e in Spagna il video non è mai stato cancellato da youtube. Se dovessero oscurarlo anche nel nostro Paese, utilizzeremo altri canali per diffonderlo fino a quando Nestlé non si impegnerà a eliminare dalla sua filiera produttiva olio di palma che proviene dalla deforestazione».
Nestlé, a sole due ore dal lancio sul web del video shock contro il suo prodotto di punta Kit Kat, aveva risposto dichiarando (1) l’intenzione di cancellare i propri contratti con Sinar Mas. Ma questo non è neanche lontanamente quello di cui le foreste hanno bisogno. Nestlé, infatti, potrebbe cancellare i propri contratti con Sinar Mas ma l’olio di palma di quest’ultima continuerebbe a scorrere a fiumi verso gli stabilimenti Nestlé attraverso rifornimenti di aziende terze come Cargill.
Intanto, dopo Olanda, Belgio e Germania, le proteste degli attivisti e degli "oranghi” di Greenpeace presso gli stabilimenti Nestlé arrivano anche a Pechino.



Tratto da: www.unonotizie.it
Visto: 497 | Aggiunto da: paradisiverdi
Commenti in totale: 0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti.
[ Registrati | Login ]
Annuncio


Amici di ParadisiVerdi, il 10% di sconto per voi sui libri di Megre! Codice sconto MO1, cliccate qui!


Novità in Cinema Verde
Comprare, buttare, comprare
Film
Babies
Film
Report - Il boccone del prete
Film
La vita emotiva degli animali da fattoria
Film
Il Vento fa il Suo Giro
Film
Nuovi File
L'orto didattico
[03.01.2010]

Tecnologia RFID. Il nostro bisogno di schiavitù?
[14.11.2009]

Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO
[27.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 21-27 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe (capitoli 10-20 + PDF da scaricare)
[12.07.2009]

Amici del Sito
Selvatici

Ecovillaggio Rassvet, Ucraina

Un diavoletto naturalista

Il Mondo (é) SOSTENIBILE

Vivere Altrimenti

Dianusa - 'I Cedri Sonori' in Romania

Giardino

Arredo giardino

Fiori

Giardino
Luna Oggi
Il pulsante di Paradisi




Se volete fare uno scambio di banner o link, cliccate qui!
Statistica

Cerca
Copyright paradisiverdi © 2008 - 2016 Hosted by uCoz