salute - Page 2 - Forum
Paradisi
        Per L'Anima
[ Nuovi messaggi · Utenti · Forum rules · Cerca · RSS ]
Page 2 of 4«1234»
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » salute (diete e digiuni)
salute
IrrequietaMenteData: Lunedì, 07.02.2011, 20:08 | Messaggio # 16
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 47
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
si si ci interessa!!!
Vai col menù!!!

Added (07.02.2011, 20:08)
---------------------------------------------
se non è troppo eccentrico wacko lo seguo!

 
paradisiverdiData: Giovedì, 10.02.2011, 00:40 | Messaggio # 17
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Anche noi siamo curiosissimi di vedere questo menu! Allora Mudilas ce lo passi? smile E come sta andando? smile Quali sono le tue sensazioni in reazione alla dieta? Ti senti bene? Ed i tuoi parenti ti stanno dando tregua?! Speriamo abbiano capito...

Marco e Olesya
 
mudilasData: Lunedì, 14.02.2011, 15:22 | Messaggio # 18
Pianta
Gruppo: Vicino
Messaggi: 149
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
Ciao,

potrei passarveli contravvenendo le leggi sul copyright...che il traduttore dei libri e amministratore del sito e del forum di Ehret non tarderebbe a far rispettare.
Ci sono un po' di perplessità sui metodi di marketing e sull'etica della/e persona/e che hanno tradotto i testi di Ehret.

Parenti e amici mi danno tregua, forse perchè in questo periodo non li sto frequentando?!? biggrin

Mi sento un po' assonnato perchè non sto bevendo il caffè, anzi, 2 alla settimana, quando inizio a lavorare alle 5 del mattino...e un po' in crisi d'astinenza... non ho fame, ma voglia di mangiare...

il cibo, la qualità e la quantità sono evidentemente diventate una droga che hanno provocato tossicità e avendo smesso di fumare, circa 12 anni fa, so distinguere una dipendenza.

continuo dunque la sperimentazione.

a presto e se trovo menu e altro su Ehret che non sia di provenienza ambigua, condivido...

ciau!


Ad ogni mio desiderio deve corrispondere un'azione. Nè servo nè padrone di niente e di nessuno.
 
paradisiverdiData: Martedì, 15.02.2011, 00:47 | Messaggio # 19
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao Mudilas, ci fa piacere ti abbiano dato tregua biggrin Beh, non frequentarli aiuta di certo biggrin
Poi, si, il cibo può diventare anche una droga però si sa che una volta che si è reso lo stomaco più capiente poi il corpo esige che tu lo riempia, quindi ovviamente l'inizio di una dieta, qualsiasi essa sia, è duro! Noi ci auguriamo che ti faccia sentire bene e speriamo avrai qualcosa da pubblicarci prima o poi , ma soprattutto che tu ci comunichi le tue sensazioni positive a riguardo smile


Marco e Olesya
 
colibrìData: Lunedì, 28.03.2011, 16:41 | Messaggio # 20
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (mudilas)
spero capiate il senso

Ciao Mudilas ,si capisco il senso di ciò che dici,almeno credo di averlo capito, tu dici .bene ho scoperto un nuovo cammino e lo percorro ,ne sento il dispiegarsi,in zone pù o meno note ed in altre sconosciute ma provo con tutto me stesso , con rispetto ed amore per la lezione che la vita mi
suggerisce a seguire questa nuova impresa che alla fine mi conduce sempre di più a conoscere me stesso e di conseguenza gli altri.,in un percorso di crescita infinito.Per quel che ho sentito su Ehret e su altri ed altre diete,è che appunto si trattano di diete ed ogni dieta di qualsiasi genere viene fatta mirando ad un fine:dimagrire ,disintossicarsi da qualcosa di specifico ecc ecc e di solito hanno una durata più o meno stabilita ,finchè non si ristabilizzi il corpo.a condizioni generali buone e soddisfacenti.e più andremo avanti nel nostro sviluppo personale più ci accorgeremo che il nostro corpo già sa.


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
paradisiverdiData: Martedì, 29.03.2011, 00:36 | Messaggio # 21
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao Colibrì, le tue considerazioni sono molto interessanti e sicuramente danno spunto per riflettere. Ma tali considerazioni le fai in seguito ad un nuovo percorso che tu stesso stai sperimentando? Se non siamo indiscreti smile

Marco e Olesya
 
colibrìData: Martedì, 29.03.2011, 14:55 | Messaggio # 22
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (paradisiverdi)
tali considerazioni le fa

Anche ma non solo.E da tutta la vita che ho sempre cercato delle risposte alternative alla medicina di Esculapio.Ho iniziato35-40 anni fa con la macrobiotica e sono stato una delle prime persone a promuovere la conoscenza di essa nella provincia di Catania.e anch'essa come tutto del resto si è evoluta e si è perfezionata.In origine (essendo una realtà nata in Giappone)si preferivano dei cibi piuttosto che altri per otttenere l'equlibrio tra lo yin e lo yang ,ad esempio i pomodori erano mal visti poichè considerati cibi troppo yin.allora diciamo che si era un po troppo entusiastici e categorici ...poi invece si è arrivati a capire che essendo noi italiani figli della cultura e abbastanza buona cucina medterranea per noi i pomodori anche se sono cibo importato dall'America ,per noi vanno bene ovvio sempre senza esagerare come in tutte le cose,magari accoppiando sempre del cibo yang.Lo schema di base di ogni qualsiasi teoria o disciplina resta quella dell'origine quando è stata studiata proposta e poi codificata in regole basilari.Vedi ad esempio nella medicina cinese la teoria dei 5 elementi ,nel loro rapporto tra di essi.Abbiamo legno fuoco terra metallo ed acqua.questi a sua volta sono connessi con organi fegato cuore polmoni ecc.ecc.con sapori Ragazzi vi consiglio un libro basilare nella conoscenza di sè Autore MURAMOTO Titolo IL MEDICO DI SE' STESSO Edizioni Feltrinelli

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__il_medico_di_se_stesso.php ho postato il link dove potrete leggere di più .

Dunque tornando a noi posso dire che sto semplicemente sperimentando la Vita,quel fiume così immenso e così pieno di tanti piccoli torrenti che non puoi dire che stai percorrendo un nuovo percorso,ma che adesso ti sei reso conto che quel torrente che ti ha fatto sentire la sua particolare energia ha agito in tutto il fiume per un attimo un mese un anno ,poichè tutto è connesso.Ho ricevuto anni fa un tamburo in terracotta molto legato a Madre Terra e ho una pipa di medicina fatta a mano che è connessa a Padre Cielo e con questi due strumenti prego e mi aiuto a connettermi con Terra e Cielo.Alla fin fine nessun nuovo percorso ma solo recuperare di tanto in tanto ciò che talvolta si perde di vista ,il peggior nemico ,il più subdolo ,se stessi.Allora tutto il creato ti aiuta proprio perchè tu sei aperto a ricevere da tutto il creato. ok spero di non aver fatto troppa confusione un abbraccio e ricordate quando vi parlai del fiume delle pietre parlanti?Anche questa è medicina un caro saluto smile

Added (29.03.2011, 14:55)
---------------------------------------------

Quote (paradisiverdi)
sperimentazione

Ciao Mudilas pensando a quanto scritto sopra vorrei inviare anche a te ,visto che mi sembri una persona ,se ho ben capito ,che ama scendere in profondità nelle cose e sudarsele da se' un po' come faccio io d'altronde.Dicevo vorrei inviare il link del libro di muramoto

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__il_medico_di_se_stesso.php
a prescindere di qualsiasi dieta o cura tu possa fare,questo libro ti permette di fare auto diagnosi e di sapere dunque come sta andando una determinata situazione se meglio o peggio ,anzi ti dirò che sei fortunato perchè è uscita la versione economica ,io ho quella grande ed èper me complicato farti la scannerizzazione.però anche la versione economica dovrebbe avere anch'essa gli schemi e i disegni che aiutano a capire
vedi se puoi sfogliarlo appena ti capita e fammi sapere ciao stammi bene smile


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
mudilasData: Mercoledì, 30.03.2011, 11:59 | Messaggio # 23
Pianta
Gruppo: Vicino
Messaggi: 149
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
Ciao a tutti,

grazie Colibrì il libro fa già parte della mia libreria personale, lo acquistai diversi anni fa, ma non l'ho ancora letto...
appena finisco di studiare per bene i libri di Ehret, gli do la lettura attenta che merita.

posso dirti però che secondo la mia esperienza personale, un corpo intossicato non riesce a distinguere un bisogno reale da uno generato dalle dipendenze delle tossine.
mi spego: il corpo di un alcoolizzato sente bisogno di alcool, un fumatore di nicotina, chi mangia carne o chi smette di mangiare carne, sentirà bisogno di carne...

comunque dopo un periodo di debolezza ora mi sento molto energico, complici anche il bel tempo e la primavera.


Ad ogni mio desiderio deve corrispondere un'azione. Nè servo nè padrone di niente e di nessuno.
 
colibrìData: Mercoledì, 30.03.2011, 16:36 | Messaggio # 24
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (mudilas)
grazie

Figurati per così poco.. Son d'accordo con te che un corpo intossicato non riesce a distinguere un bisogno reale dalla dipendenza generata da tossine.ciao


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
paradisiverdiData: Lunedì, 04.04.2011, 01:46 | Messaggio # 25
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Quote (colibrì)
In origine (essendo una realtà nata in Giappone)si preferivano dei cibi piuttosto che altri per otttenere l'equlibrio tra lo yin e lo yang ,ad esempio i pomodori erano mal visti poichè considerati cibi troppo yin.

Si ora che ci siamo avventurati nello studio dei Veda possiamo confermarlo! Solo che dubitiamo che tale concezione sia nata proprio in Giappone, essendo tutto ciò descritto nei Veda che, come sappiamo, sono testi che SONO STATI SCRITTI BEN 5.000 anni fa. Intendiamo che un tempo la gente era così tanto evoluta da tramandarsi le cose oralmente e ricordare ma, sapendo che Kali Yuga sarebbe arrivato, sono stati messi su carta per noi. Questi testi sono per noi un riferimento perché nei Veda troviamo anche scritte tutte le cose che gli scienziati hanno appena cominciato a scoprire. Anche solo prendendo in considerazione l’astrologia, coi diametri di tutti i pianeti ed anche la larghezza del nostro universo, è già tutto scritto smile Si poteva anche non bucare l’ozono e volare per confermare le cose che sono state scritte da grandissimi saggi e santi, parte dei quali vive su pianeti alti.
In ogni caso siamo un po’ presi da tutti questi studi ora, ma principalmente volevamo dire che, si, esiste questa cosa dei prodotti che si possono più o meno mangiare in quantità maggiore o minore in base alla propria locazione geografica. Anche gli orari hanno un ruolo importante... Per esempio dopo le 14, al massimo le 15, già non si dovrebbero mangiare cereali e varie leguminose (soia, fagioli, piselli, ecc.)... Noi non lo sappiamo per certo ma pare che i calcoli ai reni siano dovuti anche al fatto che mangiamo il pane (per esempio) anche di sera. E’ la scienza della vita che noi non abbiamo ricevuto sfortunatamente... A scuola veniamo “addestrati” a contare e risolvere formule, ma non ad essere felici e sani smile


Marco e Olesya
 
paradisiverdiData: Lunedì, 04.04.2011, 01:47 | Messaggio # 26
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Quote (mudilas)
posso dirti però che secondo la mia esperienza personale, un corpo intossicato non riesce a distinguere un bisogno reale da uno generato dalle dipendenze delle tossine.
mi spego: il corpo di un alcoolizzato sente bisogno di alcool, un fumatore di nicotina, chi mangia carne o chi smette di mangiare carne, sentirà bisogno di carne...

Con questo siamo parzialmente d’accordo, ma citando nuovamente i Veda, tutto viene dalla mente. Se una persona smettesse, per esempio, di mangiare carne ma non avendo piena coscienza di cosa faccia e perché, o di che danni possa subire e fare, della carne sentirebbe il bisogno… E se invece avesse la conoscenza di tutto, semplicemente non riuscirebbe proprio più a mangiarla! Anche l’odore diventerebbe ripugnante biggrin Noi di questo ne siamo l’esempio vivente!

Vorremmo anche raccontarvi una storia.. Nei Veda come sapete non è raccomandato di mangiare la carne ma, sapendo che Kali Yuga sarebbe arrivato e che le persone si sarebbero di conseguenza degradate, è stato immaginato un rituale mediante il quale è possibile mangiarla... Consiste nel benedirla tramite l’aiuto della Dea Kali (l’unica alla quale può essere proposta la carne). Non scendiamo nei dettagli del rituale, ma vi è un elemento senza il quale ogni beneficio ne verrebbe annullato. Prima di uccidere un animale (o se nello specifico nel piatto c’è una bistecca, rivolgendosi ad essa), dire "Ora io lo faccio a te, la prossima volta tu lo farai a me". Coloro che fanno questo e comprendono cosa fanno, dopo un po’ smettono di mangiare carne, non possono più farlo proprio perché capiscono che cosa fanno, ovvero che dovranno rispondere per le loro azioni (non è che dire quelle parole salvi dalla punizione karmica, ma in questo modo si acquisisce la consapevolezza delle proprie azioni).
Questo perché nessuno vuole rimanere vittima dello stesso destino per molte delle vite che verranno in futuro.

Questo rituale ve l'abbiamo menzionato per mostrarvi che il vero potere è nella mente. Se il corpo è intossicato ma la mente comincia a ripulirsi, essa non darà più al corpo l'istinto di fare un determinato qualcosa. Ma è ovvio che questi sono tutti passaggi graduali, non si diventa santoni in un giorno biggrin


Marco e Olesya
 
colibrìData: Lunedì, 04.04.2011, 13:54 | Messaggio # 27
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (paradisiverdi)
concezione sia nata proprio in Giappone
Ciao Marco ,ciao Olesya. vorrei essere più preciso,intendevo dire che la macrobiotica è nata in Giappone,non tanto il concetto di yin e yang ,che potremmo anche dire maschile e femminile .duro e morbido,secco ed umido cioè di tutto ciò che è duale...e poi ,ad esempio,direi che è tutta una catena,il Giappone ha preso dal buddismo Indiano,che a sua volta si è basato come studi d'origine al pià antico sistema dei Veda .Lo studio dei Veda per quel che ne so raggruppa tutte le varie branche dello scibile umano antico , medicina scienza religione astronomia ecc.ecc.e sono convinto che fosse anche in relazione con le perdute conoscenze di Atlantide.Il Buddha ad esempio si è voluto soffermare di più sull'aspetto mentale,meditativo piuttosto che su quello fisico ,sviluppando ottime tecniche meditative .Il buddismo tibetano a sua volta trae la sua origine, per quel che ne so,dai culti e dalle conoscenze degli sciamani,mischiate alle conoscenze del buddismo indiano.Immensa è la conoscenza degli antichi ,in paragone alla nostra anche se sembra che in poco più di 100 anni abbiamo fatto chissà che cosa...in fondo ancora ignoriamo tantissime cose ,specialmente quelle che riguardano il dentro di noi... abbiamo solo fatto , parafrasando Guccini ,il volo del tacchino .se ricordi una canzone che dice:volando coma vola il tacchino...e siamo volati .ci siamo precipitati solo verso l'esterno,solo ciò che è misurabile e basta senza fare nessuna connessione con il nostro essere interiore compreso.Questo è stato lo sviluppo della civiltà occidentale ,dimenticando che tutto è collegato col tutto.Anche i Veda conoscevano l'esatta composizione dell'atomo ed altre nozioni del genere ,ma il loro approccio allo studio ed alla conoscenza era globale,non dimenticavano mai il nostro essere interiore. smile un abbraccio

P.S se mi consigliate qualche libro sui Veda ne sarei felice biggrin


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.

Messaggio modificato da colibrì - Lunedì, 04.04.2011, 13:57
 
mudilasData: Lunedì, 04.04.2011, 18:01 | Messaggio # 28
Pianta
Gruppo: Vicino
Messaggi: 149
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
anche il cervello può essere intossicato e di conseguenza i collegamenti neuronali sono meno rapidi e meno chiari....credo che la mente, che non è il cervello, sia collegata al corpo...

converrete con me che esiste uno stretto legame tra energie e alimentazione...tra mente e corpo...

(sono contento del vostro entusiasmo nello studio dei Veda...
seguite dei maestri o lo fate in autosufficienza?)

in Cina che hanno una medicina popolare piuttosto avanzata, quando la popolazione manifestava sintomi "reazionari", il governo organizzava feste a base di carne di suino e birra...

In Germania sovvenzionano i venditori di carne suina...

sono mie elucubrazioni...

come passa il tempo da vegetariano il ribrezzo verso la carne aumenta e diminuisce il desiderio...
ma è ancora una lotta...anche se pensare a quelle povere creature sofferenti, mi da la forza...

Non trovate che esiste una differenza sostanziale tra credere e sapere?

questa frase mi ha colpito a tanti livelli

"Non conosco tutto ciò in cui credo e non credo in tutto ciò che so"

trovo sia illuminante!

per colibrì, io ti consiglio proprio i Veda, che sono i testi sacri indiani, io ne ho una versione cartacea...avevo il link della versione on line...non la trovo più, la richiedo ad un amico, che studia i veda da anni e che discute sempre con i suoi maestri....


Ad ogni mio desiderio deve corrispondere un'azione. Nè servo nè padrone di niente e di nessuno.
 
colibrìData: Lunedì, 04.04.2011, 19:04 | Messaggio # 29
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
Quote (mudilas)
la richiedo ad un amico

Grazie mille Mudilas un salutone smile


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
paradisiverdiData: Martedì, 05.04.2011, 01:45 | Messaggio # 30
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao a tutti!
Si Colibrì i Veda sono proprio una scienza di vita, parlano proprio di tutto ed uno dei suoi scopi è di farci vedere la nostra natura, farci ritornare ad essere noi stessi, cioè entità immortali, e liberarci da questo cerchio nascita-morte nel quale noi stessi ci siamo messi… In ogni caso i Veda sono d’accordo con tutte le religioni, solo che quando sono nati i Veda non ce n’erano altre, ma prevedendone l’arrivo, proclamavano che in ogni religione dove ci siano le parole di Dio ed i santi sia valida e che si possa raggiungere il progresso. Cosi nei Veda era già stato scritto dell’arrivo di Buddha, Gesù, ecc. Quindi a guardare alla reale sostanza sono tutte valide e buone smile

Quote (colibrì)
sono convinto che fosse anche in relazione con le perdute conoscenze di Atlantide

A dir la verità, i Veda non dicono nulla di troppo bello su Atlantide. Questo argomento non l’abbiamo approfondito molto perché più che altro studiamo come vivere e come svilupparci, diciamo le basi basi biggrin Ma è scritto che Atlantide abbia raggiunto la sua fine a causa di svariate cose “brutte” che facevano. Si, erano molto sviluppati, ma avevano cominciato a sperimentare con la clonazione, giocare con la genetica.. (cosa che cominciamo a fare anche noi ora…) e cosi il karma li ha presi biggrin Così, per farla breve.

Quote (colibrì)
Immensa è la conoscenza degli antichi ,in paragone alla nostra anche se sembra che in poco più di 100 anni abbiamo fatto chissà che cosa...in fondo ancora ignoriamo tantissime cose ,specialmente quelle che riguardano il dentro di noi... abbiamo solo fatto , parafrasando Guccini ,il volo del tacchino

Si si Guccini dice cose giustissime! I Veda dicono che tutto l’universo non va in progresso, ma in regresso. Il progresso è previsto solo per i singoli individui, ma l’universo invecchia come noi e dovrà morire per rinascere poi di nuovo… Cosi ciò che a noi sembra progresso in verità è un’involuzione tremenda, come hai notato tu. Per esempio nei pianeti bassi (noi siamo il settimo, al centro, in generale ci sono 14 sistemi planetari) vivono degli esseri molto sviluppati tecnicamente, i Veda descrivono i loro dischi volanti e le varie guerre cosmiche nelle quali sono stati coinvolti, ma spiritualmente sono messi anche peggio di noialtri e, per questo motivo, di felicità ne hanno ancora meno di noi. (per esempio l’Ayurveda dice che una persona può essere considerata sana solo quando è felice, non importa lo stato fisico).

Quote (colibrì)
Anche i Veda conoscevano l'esatta composizione dell'atomo ed altre nozioni del genere ,ma il loro approccio allo studio ed alla conoscenza era globale,non dimenticavano mai il nostro essere interiore

Si si! Essi connettono tutto, in primis dal punto di vista del corpo sottile. I Veda stessi dicono che ci sono due modi per studiare l’universo. Uno è guardare le stelle, e l’altro è guardare dentro l’uomo (non nel senso di tagliarlo, certo biggrin ), evidenziano che guardando dentro l’uomo si capirà di più. Ed i loro studi si basano su questo smile . E’ un argomento molto vasto in verità, magari un po’ per volta potremmo pubblicare vari articoli anche su questo argomento...


Marco e Olesya
 
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » salute (diete e digiuni)
Page 2 of 4«1234»
Search:

Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz