Paradisi
        Per L'Anima
[ Nuovi messaggi · Utenti · Forum rules · Cerca · RSS ]
Page 1 of 11
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » una brutta notizia
una brutta notizia
colibrìData: Giovedì, 15.10.2009, 20:16 | Messaggio # 1
Tronchetto
Gruppo: Vicino
Messaggi: 237
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
tratta dal sito http://selvatici.wordpress.com
L’amico Magius ci invia questa lettera che prontamente proponiamo invitando gli improbabili lettori a leggere bene e diffondere

action-at-the-nuclear-power-plIn Italia la localizzazione delle centrali nucleari verrà imposta alle
popolazioni locali con l’esercito.
Anche volendo, addio decrescita felice.


Il nucleare rientra nei “progetti bellici”. Ecco come ci imporranno le
centrali in Italia

Proprio in questi giorni, a Flammanville, l’Enel ha stabilito l’anno
in cui la prima centrale nucleare italiana inizierà a funzionare. Il
2020. I loro esperti considerano questa data come “realistica” e
spiegano che l’avvio degli altri reattori avverrà alla scadenza dei 18 mesi per ogni nuovo impianto e incredibilmente si è già stabilita la data per la prima colata di calcestruzzo dell’edificio del reattore,

che sarà per il 9 luglio 2015. Tutte tempistiche calcolate valutando
sia i tempi di costruzione, sia i tempi politici del dibattito e dei
permessi e stabilendo anche che l’agosto 2011 sarà il mese in cui si
otterranno i permessi per il sito e il maggio 2013 sarà invece la data
in cui verrà rilasciata “la licenza integrata per costruzione ed
esercizio”, dando cosi il via a tutte le procedure subito antecedenti
alla costruzione. L’atteso e più vicino 10 ottobre 2010 sarà il giorno
in cui si deciderà la città della prima centrale nucleare e
probabilmente sarà anche la data dell’inizio di altri problemi per
questo eseguivo.

Infatti, dagli ultimi sondaggi risulta che il 60%
degli italiani è ancora contrario all’utilizzo di questa energia,
arrivando addirittura al 82% quando si parla di realizzare centrali
vicino alle loro case, rispondendo anche con un “ non lo accetterei e
farei di tutto per impedirlo”. Ecodem (ambientalisti per il Partito
Democratico), attraverso le parole di Francesco Ferrante è invece
sicura che i 4 siti siano già stati scelti e sicuramente da imporre
anche con l’aiuto dell’esercito. Ferrante, rileggendo le carte che
l’Enel ha presentato a Flammanville, ne trae una visione ben chiara:

«Apprendiamo che il luogo principale del nuovo nucleare italiano
sarebbe Montalto di Castro (nel Lazio) deve verrebbero ospitati ben
due reattori. Continuando gli altri due siti sarebbero da individuare
uno al nord (Trino in Piemonte o Caorso in Emilia Romagna) e uno al
Sud. In questo ultimo caso la regione candidata sarebbe probabilmente la Puglia».

Ecodem continua facendo anche notare che proprio le regione
interessate (Calabria, Toscana, Liguria, Emilia Romagna e Puglia )
«hanno dichiarato di essere contrarie ad ospitare una centrale sul
proprio territorio e hanno fatto ricorso alla Corte Costituzionale
contro la legge del governo che le espropria a delle proprie
prerogative». Problema non da poco anche per Greenpeace, che considera questo bypass amministrativo «particolarmente grave perché si vuole così scavalcare completamente non solo le Regioni ma anche gli enti locali per localizzare impianti e aree, equiparate ad aree militarizzate, gestite da privati».

Questa legge che scavalca ogni autorità locale oltre a creare problemi nel rapporto Stato-Regioni,
sembra essere incredibilmente di ispirazione bellica ed è lo stesso
ministro Scajola che ne spiega il motivo:

«Abbiamo previsto il potere sostitutivo del governo sulla base
dell’articolo 120 della costituzione, ritenendo le centrali nucleari
strategiche per la sicurezza del paese. È uno strumento estremo che mi auguro di non dover utilizzare; ma nel passato troppi sono stati i no ideologici che hanno frenato e penalizzato lo sviluppo del nostro
paese».

Le centrali rientrerebbero di conseguenza nei progetti bellici
dell’Italia, dando cosi il via libera alla preannunciata imposizione
con la forza e ai conseguenti scontri con la popolazione. Il tanto
invocato volere popolare, usato spesso come scudo o scusa in più di
una occasione, lascerebbe il posto ad una volontà sempre più
circoscritta. La volontà dei pochi contro i diritti di molti.
Inquietudine nell’aria.

http://informazionesenzafiltro.blogspot.com/

Added (15.10.2009, 20:16)
---------------------------------------------
Dimenticavo, qui c'è il link dove si può ,chi vuole,firmare una petizione indirizzata al Presidente della Repubblica,al presidente del Senato ecc.ecc. per un No forte e deciso ,alle centrali nucleari


per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore.
 
paradisiverdiData: Sabato, 17.10.2009, 00:30 | Messaggio # 2
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao Colibrì, queste sembrano proprio delle brutte notizie! Ma per fortuna, in verità, non sembra niente di confermato, perchè continuiamo a leggere anche campane differenti, come nelle news che abbiamo pubblicato tempo fa QUI. In ogni caso, per star sicuri, invitiamo tutti a firmare la petizione come abbiamo fatto anche noi! thumb

Marco e Olesya
 
AdelmoData: Lunedì, 19.10.2009, 06:54 | Messaggio # 3
Seme
Gruppo: Vicino
Messaggi: 37
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
ciao,questa Cosa del nucleare me spaventra molto,penso che vedendop lo stato del ppianeta le personew non dovrebero neanche pensare al le stazioni nuclearo. Ci sono così tanti metodi di energie altrenative. Firemero anche io la ptizione!

Added (19.10.2009, 06:54)
---------------------------------------------
si va a lavorare buona giornata a tutti!!!!

Messaggio modificato da Adelmo - Lunedì, 19.10.2009, 06:53
 
JakData: Lunedì, 19.10.2009, 16:57 | Messaggio # 4
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 76
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
io ne voglio almeno una in veneto.
se devo morire per colpa delle radiazioni voglio portare con me più leghisti possibili! biggrin biggrin biggrin


kiss me, i'm vegan
 
GardnerData: Lunedì, 19.10.2009, 22:27 | Messaggio # 5
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 64
Reputazione: 0
Premi:0
 
Stato: Offline
questa cosa del nucleare è spaventosa! leggo qui sul sito che ora praticamente stiamo già prendendo in prestito le risorse destinate ai nostri figli, questa cosa è terribile! e, consapevoli di cio, continuare a pensare al nucleare è un suicidio!

Added (19.10.2009, 22:27)
---------------------------------------------
jak,sai alla fine chi ci rimette in primis in caso di disastro nucleare sono le povere persone che ci lavorano dentro alla centrale e che loro malgrado sono semplici impiegati che hanno trovato quel lavoro li perchè di meglio non c'era, i leghisti non sarebbero poi cosi in pericolo ed avrebbero le stesse chance di tutti di correre ai ripari. e si spera vivamente che tutti possano correre ai ripari.

 
JakData: Martedì, 20.10.2009, 16:19 | Messaggio # 6
Germoglio
Gruppo: Vicino
Messaggi: 76
Reputazione: 0
Premi:1
 
Stato: Offline
era ironico..

kiss me, i'm vegan
 
paradisiverdiData: Mercoledì, 21.10.2009, 02:23 | Messaggio # 7
Admin
Gruppo: Amministratore
Messaggi: 828
Reputazione: 3
Premi:4
 
Stato: Offline
Ciao Jak, siamo certi che Gardner non volesse polemizzare, ha probabilmente semplicemente sollevato una questione spinosa che tristemente emerge sempre quando si parla di centrali/disastri nucleari e suoi impiegati. Tranquillo smile

Marco e Olesya
 
Forum » Dialoghiamo! » Bersò » una brutta notizia
Page 1 of 11
Search:

Copyright paradisiverdi © 2008 - 2017 Hosted by uCoz